Blenio Café
PARC ADULA
marisa
am: 3.5.2015 15:08
Difendere e cautelarsi da quel che succede con questo mega progetto idealistico, è un dovere; c'è un investimento milionario che pubblicizza il territorio come "Parc Adula", sembra cosa fatta. Manca solo un firma per il passaggio di proprietà... , si parla di un territorio che viene utilizzato a scopo agricolo, e da un turismo escursionistico, capanne ecc il tutto funzionale.
Quale scopo può portare noi vallerani, a credere che la manna cada dal cielo...
In tempi di pochezza per il popolo, il nostro territorio ci ha dato e ci darà modo di vivere dignitosamente, quale scopo si cela dietro a tutto questo sperpero di danaro, parlare di 6 o 10 milioni come fossero noccioline, qui traspare il potere del soldo.
I Parchi potranno anche dare profitti, ma già da sola la meteo e il nemico dello sviluppo, solo per portare una banalissima riflessione ...
Io mi son chiesta e non posso fare altrimenti quali interessi ci siano a monte di tutto questo; in quanto un piccolo dettaglio leggo su tio e pubblico questo "Visita del Onorevole Vitta ..."

E non è un caso che Vitta abbia fatto visita proprio alla Valle di Blenio in quanto, proprio qui, l’agricoltura, in netta controtendenza con il resto del Ticino, svolge ancora una funzione importante sia a livello di posti di lavoro (circa il 20% della popolazione attiva in Valle di Blenio è occupata nel settore agricolo) che di peso economico e di gestione del territorio.
Rasputin
am: 30.4.2015 19:15
Complimenti alla Società Agricola Bleniese e Unione Contadini Ticinese.

Il contenuto dell’intervento inerente i predatori, espone chiaramente la situazione e le misure che si DEVONO PRENDERE.

Forza!! Fate campagna e preparatevi per la votazione del PA dell’anno prossimo con un chiaro NO.
Altrimenti NON SARETE PIÙ PADRONI DEL VOSTRO TERRITORIO !!
Sarete sottomessi a regolamenti assurdi ed in pochi anni sarete sommersi dai predatori (anche in senso lato).
Sempre che la votazione arrivi e, non ri ri venga ri ri spedita al mittente la proposta di Charta inoltrata alle istanze federali (rechauffeurs des chaises), come finora successo e solo parzialmente detto !!
Quello che succederà in futuro, se arriva il parco, altri ed in altre nazioni l’hanno già sperimentato, anche se qualcuno vuole asserire il contrario.
Anzi alcuni di questi, alfine di confondere le idee a chi eventualmente non le ha ancora del tutto chiare, e far credere lucciole per lanterne, fa confronti ed esempi con altri parchi (tipo parchi regionali) che con le direttive di parco nazionale non hanno niente a che fare.
Sono il classico esempio di burro uguale alla ferrovia !!
Non lasciatevi e non lasciamoci ingannare da proposte e promesse fasulle !!
Marisa
am: 30.4.2015 18:28
Il mio pensiero prende sempre più forma, siamo interessanti non come cittadini di questa stupenda Valle, ma bensi in quanto abitanti di un territorio molto allettante e prestigioso per i suoi requisiti, risorse primarie, estensione territoriale ...
Avere il dominio e l'unica cosa che importi al così detto Parc Adula.
mara
am: 27.4.2015 10:08
SENTITA ORA LA NOTIZIA ALLA RADIO!!!

CAZZ... MA QUESTO E' UN RICATTO BELLO E BUONO !!!!!!!!!!!!

:-((((

STOFFELl vieni subito in Campra, aumentiamo di qualche milioncino il progetto così il prossimo inverno apre già e finalmente le porte il Nuovo centro nordico!!! E chissefrega della variante di PR...

Che pena, che ridicolo, che personaggi, CHE ARROGANZA!!!

E' proprio vero che dove ci sono i soldi ci si può bellamente infischiare delle norme e delle leggi e le formiche e i calpestii non rientrano più nei dizionari in vigore... vedi villa a Davesco. Di cui tra l'altro più nessuno parla. Infangata. Che schifo!!!
Scusate lo sfogo. Ora non leggo più la cronaca... vomitevole...
mara
am: 27.4.2015 9:40

www.gdp.ch/svizzera/stoffel-se-vals-non-accetta-la...

Sono un po'... assai confusa...

Vals se non erro fa parte dei 20 Comuni del progetto Parc Adula, Regione Surselva, con 11,7 km2 circa in zona nucleo e il resto in ZP.

Cosa pensa il Parc Adula di questo progetto?

Come mai noi in Valle di Blenio dobbiamo contare formiche e rane qui e là e non disturbarle, valutare il calpestio dei fondisti a Campra per fare il progetto nuovo e qui si formula un ricatto bello e buono, progetto da 300 milioni (!!!) ??? E di Parco non si parla? E' compatibile con l'immagine di natura, la torre eventualmente prevista?

100 teste, 100 idee... ma ci vorrebbe anche un po' di coerenza altrimenti è davvero un mega casotto...:-(

Per fortuna il Comune (i suoi abitanti) sembrano manifestare ancora un po' di buon senso...
alfiero
am: 20.4.2015 17:52
l' 84% circa dei votanti ha votato per corrispondenza e solo il 16% si é recato all'ufficio elettorale a mettere la scheda nell'urna, il che conferma che la gente ama usare il mezzo tecnico (la posta ma se fosse possibile credo anche l'internet) per interagire con i terzi (istituzionali o meno che siano)

Penso alle serate informative sul parco, benvengano, ma non illudiamoci di informare le migliaia di aventi diritto di voto parlando con le poche decine di frequentatori delle serate informative.
alfiero
am: 16.4.2015 16:08
Cari tutti,

a parte che le sole prassi disponibili sono quelle della costituzione del parco engadinese di 100 anni fa e quella + recente del parco valle Maggia che ha portato al rifiuto della creazione del parco in zona montana utilizzabile altrimenti, sottolineare il compito dei comuni é un passo nella giusta direzione, non fosse che per cerziorarsi su come mai gli organi comunali votano a favore del parco all'unanimità o quasi mentre nel sondaggio meno di un terzo dei partecipanti era favorevole al parco. Anche la maggior parte dei candidati agli organi cantonali che hanno detto di essere favorevoli hanno dato importanza alla compatibilità delle restrizioni con la continuità delle cose che sono nostre. Tante sono le cose che nella stretta formalità di un esposizione al pubblico sono irrisolvibili.
Team Parc Adula
am: 16.4.2015 10:44
Gentili Alfiero e Desy, secondo prassi sono i municipi a raccogliere le domande, le osservazioni e le opinioni dei cittadini, filtrando quanto ricevuto e inviandolo poi, nel nostro caso, al Parc Adula. A livello di team un lavoro del genere sarebbe di impossibile gestione, considerando il numero di cittadini sulle 5 Regioni in rapporto al numero di membri del team Parc Adula. Aggiungiamo inoltre che il periodo di consultazione abituale è di 30 e non di 60 giorni: abbiamo prolungato lo stesso proprio per consentire ai cittadini un lasso di tempo maggiore per poter intervenire sul dossier Charta.
Per rispondere poi alla domanda di Desy, ti invitiamo a visitare sia la sezione www.parcadula.ch/it/Charta-Parc-Adula/domande-e-ri... sulla nostra pagina web che la pagina Facebook Parc Adula, dove da diversi mesi ormai rispondiamo a tutta una serie di domande sorte nel corso degli anni.

Un caro saluto

Team Parc Adula
Desy Pini
am: 15.4.2015 22:51
Bella idea, quella di raccogliere la consultazione online! Con domande specifiche sui punti essenziali della charta, e uno spazio per riflessioni, suggerimenti ecc.
alfiero
am: 15.4.2015 18:09
Gentile Team del Parco,

Grazie per le informazioni. 60 giorni nel periodo natalizio, se il termine per le osservazioni é anche di questi 60 giorni, é ben poca cosa a fronte dell'importanza del progetto.

Perché non lanciare una campagna di raccolta di domande on line alle quale potreste rispondere on line prima della presentazione della carta?
PARC ADULA
Seiten: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98
©1999-2017; Das Bleniotal im Internet    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
Web Konzept: Cresedo Tec
Wir übernehmen keine Verantwortung für den Inhalt der Websites, die unsere "Links" vorschlagen.

Die Veröffentlichung von Informazionen, die auf diesem Site erscheinen ist nur mit Angabe der Quelle: www.vallediblenio.ch möglich.