Blenio Café
PARC ADULA
marcello
am: 16.2.2015 13:27
Grazie Team Parc Adula!

In effetti i proprietari delle capanne in zona nucleo, stavano aspettando questa risposta dal 21 settembre 2009 :-)

Ora arrivata così… alla spicciolata, grazie all’ennesima domanda posta su questo forum, da un cittadino privato.

Le società alpinistiche non meritano forse qualche cosa di più? Magari un qualche maggiore dettaglio? O andiamo avanti così…Tout va très bien madame la marquise … in attesa di qualche fregatura dell’ultimo minuto?
Team Parc Adula
am: 16.2.2015 9:35
Gentile Alfiero, in merito alla sua domanda, le comunichiamo che nella Zona Centrale del Parc Adula la possibilità di un ampliamento e di un risanamento delle capanne sarà data anche in futuro, in quanto si tratta di costruzioni destinate al pubblico. Una limitazione dell'ampliamento sarà invece prevista per gli edifici privati non aperti al pubblico.

Cordialmente

Team Parc Adula
mara
am: 10.2.2015 10:59
Oggi sui giornali:

www.vallediblenio.ch/vdbi_cronaca.php
mara
am: 8.2.2015 17:25
Questa mi sembra una buona domanda. La risposta è o non... è... nel senso che la risposta NON può o non dovrebbe poter avere margini di interpretazione... Sennò vorrà dire che, come per altri progetti in valle o per un semplice marciapiede, si andrà alle solite e classiche "calende greche" fatte di studi (tanti e onerosi) e tanta carta.

Questo potrebbe essere assai dannoso in un settore particolare - quello delle capanne alpine - che necessita invece di decisioni e di esecuzioni il più possibile rapide. Le capanne alpine sono pienamente funzionanti da giugno (se va bene) a metà ottobre (di nuovo se va bene col tempo). Il loro sostentamento (per i guardiani) e le loro entrate (per le società alpinistiche che le hanno costruite) vengono tratti solo ed unicamente sull'arco di quei 4-5 mesi. Nel resto dell'anno, è già bello se non ci sono spese date da danni del maltempo, usure o altro...

Per ampliare una sala in capanna, non bisognerà quindi dover attendere i permessi 2 anni... sennò cambiano le persone nei comitati, cambiano i guardiani... Passa il tempo in condizioni di "non funzionalità" della struttura e... ciao pep... Passa pure la voglia di tanti volontari di fare e agire nel bene della propria struttura e del proprio territorio.

E le sale (refettori o/e soprattutto altri spazi) - e qui ribadisco quanto scritto già tempo fa in questa discussione - così come sono ora (vedi Scaletta, Adula, Motterascio, anche la Terri...) NON sono idonee ad ospitare gruppi (oltre alla normale clientela di giornata) per i momenti di informazione e sensibilizzazione sul parco e i suoi contenuti naturalistici. Se fa bello si sta fuori. Ovvio. Se fa brutto siamo sardine (attualmente), per la gioia dei guardiani... ;-)

A tutto ciò bisogna pensare PRIMA che il parco sia attivo e presente. A ciò e a diverse altre questioni non proprio irrilevanti, ha pensato, nel 2009, la SAT Lucomagno di Olivone che ha coinvolto le 16 società alpinistiche aventi capanne nella ZN e nella ZP del parco. Società che, da più parti, era stata allora criticata per queste sue osservazioni. Come volesse mettere il carro davanti ai buoi... Eppure no...

Checché se ne voglia dire, l'interpellanza di Cathomas (che se non erro in quel tempo era addirittura membro del Gop del PA) è stata il frutto di questa azione (di preoccupazione) promossa dalla SAT Lucomagno. Altrimenti attendevamo fino a quando un barlume di risposta?

La gente del posto ha agito in modo legittimo, per avere risposte. E sapere come e cosa fare. Dato che da anni vive e gestisce il suo territorio.
Le Società alpinistiche in quota hanno investito negli anni milioni di franchi nelle loro strutture; chiedono solo di poterle gestire in un domani in modo funzionale.
Invito chi ancora non lo avesse fatto, a vistare le nostre capanne alpine (e i loro spazi, servizi igienici compresi....).
Visitate poi altri parchi (Biosfera Val Monastero, Parco Dolomiti bellunesi), altre strutture, e le loro capanne.

Le conclusioni si traggono da sé...
Quindi, lecita, molto lecita e corretta la domanda di Alfiero. Dobbiamo avere una risposta chiara. Ora mi sembra giunto il momento.
alfiero
am: 8.2.2015 15:51
Il settore capanne sembrava essere chiarito da tanto tempo, a favore di quest'ultime, invece sembra ancora non chiarito il loro ruolo e i loro diritti che la carta descriverà, ciò significa che la carta è ancora lontana e tante domande sono aperte:

Il parco dice di voler educare la popolazione locale ad un diverso tipo di convivenza con il territorio, inoltre vuole correggere gli errori del passato presenti sul territorio non appena si presenti l'occasione, questo e altro vuol dire che i comuni per rilasciare un permesso di costruzione di edifici privati o pubblici, strade pubbliche ecc. devono avere il preavviso favorevole del parco?
Fiordaliso
am: 7.2.2015 14:51
Chiedo scusa, il secondo dei link sotto è sbagliato, rieccolo:

Parc Adula, "Capanne, rifugi e sviluppo economico", pagina 27
www.parcadula.ch/it/Multimedia/Pubblicazioni/Dritt...
Fiordaliso
am: 7.2.2015 14:19
La domanda di Raspuntin è lecita, ma sul come si intende procedere ha già dato risposta il Consiglio federale all’interpellanza Cathomas nel 2009 e successivamente il Parc Adula nel 2013. Qui sotto i link per le risposte citate, dove si evince chiaramente che le Capanne non corrono rischi. Bisogna ora attendere che queste risposte vengano confermate nella Carta del parco.

Interpellanza Cathomas
www.parcadula.ch/it/dms/Documenti/interpellanza_ca...

Parc Adula, "Capanne, rifugi e sviluppo economico", pagina 27
www.parcadula.ch/it/Multimedia/Pubblicazioni/Viert...
Rasputin
am: 2.2.2015 18:42
Caro Team PA,

e le altre capanne?
Scaletta, Adula sotto e Adula sopra, Quarnei e le limitrofe Bovarina, Dotra, Scaradra Prou e tutte quelle che dimentico.
siano esse in zona nucleo, siano esse in zona tampone, siano esse fuori dalle zone a protezione ma vicine a tali zone?
Ed a merito dell'approvvigionamento futuro con elicotteri ed eventuali ampliamenti (aumento della ricettività, aumento posti letto)

In analogia cosa succederà anche con gli attuali rustici che si trovano in tali zone (anche qui, ampliamenti e trasporto con elicotteri, eccetera).

come verrà deregolamentata l'ordinanza?
Team Parc Adula
am: 2.2.2015 11:09
Buongiorno, per quanto riguarda il quesito posto in merito all'esistenza delle capanne del futuro Parc Adula, desideriamo rispondere come segue.

Le capanne rappresentano un importante elemento della cultura, della tradizione e della vita di montagna e sono fondamentali nell’ottica di un parco nazionale di nuova generazione. La loro presenza e il loro approvvigionamento saranno pertanto garantiti e promossi, sia nella zona periferica che in quella centrale. Nel corso del 2014 l’Associazione Parc Adula, tramite i social media, ha dato grande visibilità alle capanne presenti sul territorio. Ha inoltre bonificato il sentiero che porta alla Zapporthütte, ha organizzato eventi alla Capanna Motterascio e alla Medelserhütte e sostenuto finanziariamente la Capanna Buffalora per l’installazione dell’impianto fotovoltaico, integrato nei lavori di ristrutturazione. Non da ultimo, Parc Adula ha aderito all’iniziativa Greina Alta, un percorso che prevede pernottamenti in 3 capanne a ridosso della Greina: la Medelserhütte, la Capanna Motterascio e la Läntahütte.
Richi
am: 30.1.2015 14:59
Domanda: ma si giustificano? ci vogliono 2 Parchi nazionali in Ticino?
PARC ADULA
Seiten: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98
©1999-2018; Das Bleniotal im Internet    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
Web Konzept: Cresedo Tec
Wir übernehmen keine Verantwortung für den Inhalt der Websites, die unsere "Links" vorschlagen.

Die Veröffentlichung von Informazionen, die auf diesem Site erscheinen ist nur mit Angabe der Quelle: www.vallediblenio.ch möglich.