Blenio Café
INSEDIAMENTO DEL SUPERMERCATO LIDL A BIASCA
leon
am: 2.8.2007 8:26
Il problema del giudicare l'insediamento del supermercato Lidl dovrebbe essere analizzato più in dettaglio per evitare una distorsione della realtà:
1.il mercato di competenza di Lidl
Si può presumere che l'organizzazione di Lidl possa avere una politica di "no fringle", senza fronzoli, un po' come certi voli low cost e ma comunque il bacino d'utenza dovrà essere sufficientemente ampio da giustificare margini più bassi, ciò significa che i competitori diretti sarano i grossi supermercati e non i piccoli negozi.
2.il target qualitativo e la scelta del consumatore
Credo che un avventore di questi supermercati dovrebbe essere abbastanza razionale da valutare criticamente il livello qualitativo della merce venduta. Se a parità di prestazione un fornitore dell'immediata vicinanza offre a un prezzo più basso esiste un risparmio per il consumatore. Se però la merce dovesse essere qualitativamente scadente ed il prezzo risultare inferiore per questo motivo l'acquirente dovrebbe per amor proprio cercar un livello più alto di soddisfazione.
3.i costi di trasporto sottovalutati
In ogni caso i prezzi dei negozi sotto casa sono competitivi, perchè contengo il costo del servizio di trasporto della merce direttamente al comune di domicilio. Spesso si fanno dei paragoni fuorvianti prendendo direttamente i prezzi di vendita: al prezzo del prodotto del supermercato occorre aggiungere il costo ponderato della trasferta e difficilmente acquistare al supermercato invece del negozio risulta così a buon mercato. Considerando pure il continuo aumento del prezzo del petrolio riflesso nel prezzo della benzina, la mobilità privata tende a costare di più.
4.shoppin compulsivo
L'inconveniente per chi compra è cadere nello shopping compulsivo che da un lato spalma la pesa della mobilita su più articoli e che giustifica la trasferta, ma ciò non è più paragonabile perchè i molti acquisti in esubero sono di utilità secondaria se non remota.
Per concludere i mercati Lidl non dovrebbero intaccare il mercato dei negozianti di paese e semmai porterebbero maggior concorrenza tra i grandi distributori e quindi una tendenza al ribasso di prezzi tra i supermercati e un eventuale risparmio per i consumatori. I piccoli negozi sono forti di una gentile accoglienza famigliare, di un prezzo della merce concorrenziale, di qualità e immediatamente fruibile a domicilio.
I negozianti non dovrebbero preoccuparsi troppo di essere risucchiati da Lidl: sono in un mercato di nicchia.
erika
am: 12.7.2007 5:27
A Marusca e Mara: anch'io aspetto di vederlo aperto. Poi forse entrerò e prenderò nota degli.... specchietti per le allodole (prendi 3 - paghi 2 / mega azioni / percorso obbligato, ecc.). Dai ragazze: andiamoci insieme, perchè da sola mi verrebbe il mal di stomaco (sto bene lontana da quei posti), così potremo fare qualche domandina a chi di competenza, concernente l'"interesse del consumatore".
Un cordiale saluto a tutti. Erika
marusca
am: 12.6.2007 3:23
Nooooooooo, semplice curiosità...
adesso che c'è quel bel spazio libero...

e poi non dovrebbe nascere uno di quei negozi anche a Castione??

Fino a che non vedo, non credo... e poi, penso proprio che non entrerò...


mara
am: 11.6.2007 20:55
Ciao cugi!
perché mo' lo aspetti con tanto ardore??? :-))
marusca
am: 11.6.2007 20:11
Ma quando arriverà questo negozio a Biasca????
erika
am: 11.4.2007 4:43
Concordo pienamente con quanto inserito da Carla il 26.2.
Inoltre ho letto l'articolo su Teleticino 7, che mette l'accento anche sul lato umano/sociale dei negozi di paese.

Marcello ha fatto una giusta osservazione concernente l'acquisto dei prodotti nostrani. Tuttavia - invece dell' "olandese" che ha poco gusto - si può acquistare dell'ottima formaggella in Valle per 15.-/16.- fr. al kg. Ce ne sono per tutti i gusti: l'ho sperimentato personalmente.

Sono sempre a "caccia" di prodotti genuini e sono attenta a come vengono prodotti e a non sprecare, ma da quando abito in Valle non sento la mancanza dei supermercati che prima avevo a portata di mano.
Cordiali saluti a tutti.
carla
am: 7.4.2007 20:36
A proposito di negozietti di paese..., vi segnalo l'interessante servizio sull'ultimo Teleticino7 (n. 15, p. 3 e pp. 14-16) "La riscoperta delle botteghe".
Buona lettura e ...buona Pasqua a tutti!
marcello
am: 26.2.2007 18:56
Concordo con Marusca, la qualità prima di tutto, se voglio mangiare un salame lo acquisto di sicuro presso un produttore locale. Ma non tutti si possono permettere il formaggio dell'alpe, e devono accontentarsi di quello olandese.
Se però voglio acquistare i Barilla N°5 (ammesso che non vi siano delle contraffazioni) vado al supermercato.
carla
am: 26.2.2007 15:12
Giorgia ha toccato un tema molto importante: quello dello spreco basato sulla filosofia del "ne prendo 2 perchè costa poco" (anche se in realtà è di 1 che ho bisogno). O peggio ancora "lo prendo perchè tanto costa poco" (anche se in realtà è qualcosa di cui non ho bisogno e di cui posso fare nettamente a meno). Allora, il mio risparmio va a farsi benedire....
È il gioco perverso che alimenta questi grandi commerci. E i colossi essendo dei... giganti... lo possono giocare alla grande!
marusca
am: 26.2.2007 3:08
Carissimi
mi fa piacere che finalmente anche quelli che sono d'accordo con l'arrivo del nuovo supermercato dicano la loro opinione.

Io penso che in questo caso siano le regole del libero mercato che metteranno a lungo termine le cose a posto .

Invece a corto termine il problema, e lo si sente già, è per i dipendenti dei supermercati già esistenti che vedono le loro condizioni lavorative peggiorare, anche se bisogna ammettere che, sia Coop, ma soprattutto la Migros, abbiano fatto una buona scelta e cioè quella di puntare sui prodotti locali e di qualità, sostendo i piccoli produttori. Questa scelta la trovo saggia e porterà i suoi frutti...

Ogni consumatore fa poi le sue scelte... e non so proprio se quando si parla di cosa si mette sulla propria tavola, sia sempre il borsellino che decida... nel mio caso no! preferisco puntare sulla qualità e sui prodotti locali, che su prodotti a buon mercato che vengono da chissà dove... i risparmi li faccio altrove!

Voi cosa ne dite???

Saluti a tutti
INSEDIAMENTO DEL SUPERMERCATO LIDL A BIASCA
Seiten: 1 2 3 4 5
©1999-2018; Das Bleniotal im Internet    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
Web Konzept: Cresedo Tec
Wir übernehmen keine Verantwortung für den Inhalt der Websites, die unsere "Links" vorschlagen.

Die Veröffentlichung von Informazionen, die auf diesem Site erscheinen ist nur mit Angabe der Quelle: www.vallediblenio.ch möglich.