Blenio Café
SCONTRI AUTO-SELVAGGINA IN VALLE DI BLENIO
mara
am: 16.1.2008 0:37
Ciao Sebasch e bevenuto in questo forum!

non ho ben capito cosa hanno fatto gli argoviesi con gli assicuratori. Vorresti magari precisare??

Grazie, ciao
mara
sebasch
am: 15.1.2008 23:22
Salve a tutti, sono un neofita di questo caffé...

Leggendo un po' qua e un po' là, e vedendo i tipi di strade della Valle di Blenio, mi viene in mente un reportage di qualche giorno fa della TV svizzero-tedesca proprio sugli incidenti con i selvatici.
Morale di tutto ciò: moderare sempre la velocità nei tratti noti per l'alto rischio di selvaggina, e assicuratori dixit non cercate di evitare nei casi più improvvisi, ma solo frenare e colpire in pieno l'animale, così che l'assicurazione paga e il rischio di carambola e quindi di farvi male viene ridotto.
Paradossale no?

Allora perchè non coinvolgere le assicurazioni presso le autorità competenti, per il nostro bene e anche il loro, come già fatto anche in Argovia?

saluti
Sebasch
Vito
am: 20.12.2007 14:26
Recintare tutte le strade non è possibile, oltre che i costi il problema che si pone è quello dell'abbeverarsi della selvaggina.
Potrebbero, con una spesa irrisoria, issare sui cartelli già esistenti degli accorgimenti, sarebbe meglio di niente.
Buona giornata a tutti

vito
marcello
am: 20.12.2007 12:55
Buongiorno,

a mio modo di vedere dovrebbero intervenire le autorità cantonali, per di più l'ufficio caccia e pesca e l'ufficio delle strade fanno parte dello stesso dipartimento, quest'ultimi si sono semplicemente limitati a posare una infinità di cartelli indicanti pericolo selvaggina, come se chi passa giornalmente già non lo sapesse..., con una spesa sicuramante maggiore della posa di questi catarifrangenti. Un discorso da fare anche con le compagnie assicurative che potrebbero trarre dei vantaggi...
E le autorità locali? Dopo le fusioni la loro forza contrattuale dovrebbe essere stata incrementata, almeno così qualcuno raccontava...

Buona giornata a tutti!
Richi
am: 20.12.2007 7:21
Salve a tutti,
ho letto oggi con interesse l'articolo su "Voce di Blenio" (numero dicembre 2007) intitolato "Stagione invernale: attenzione ai cervi...". Mi spiace molto per quanto accaduto alla protagonista di questo scontro e per il suo spavento (e mi spiace anche per la brutta fine del cervo...). Mi aspettavo però che, perlomeno alla fine dello scritto, l'autore desse un senso ed uno scopo all'articolo stesso. Tutti noi, infatti, ben sappiamo che da sempre autunno ed inverno sono pericolosi sulle strade per via della selvaggina che attraversa il campo stradale. Ora sarebbe più che opportuno concretizzare magari dei piccoli accorgimenti che, se non annullare del tutto il pericolo, possono almeno ridurre le probabilità di uno scontro dalle conseguenze più o meno gravi. Sarebbe interessante sapere a chi bisognerebbe rivolgersi (Ufficio cantonale caccia e pesca? Società di caccia? Comuni?) per pianificare delle possibili, seppur parziali, soluzioni (tipo quelle esposte in questo forum???) a questa specifica problematica. Prima che...

Buona notte...
valerio
am: 5.12.2007 23:56
Secondo le parole di alti esponenti del Cantone tutte le nostre strade dovrebbero essere recintate per poter garantire la nostra sicurezza di automobilisti causa attraversamento di selvaggina. Purtroppo questo non è possibile per i costi eccessivi e perché la legge che non ti permette di recintare i boschi. Affermazioni fattemi diversi anni fa quando accennai alla pericolosità riferita a certe strade in valle e particolarmente al discorso Leggiuna. (PET Therapy).
Per quanto riferito alle strisce rosse: effettivametne non ci vorrebbe tanto e vien fatto e si vede benissimo in altri cantoni.
E' fatto da specialisti con l'autorizzazione ed il consenso delle autorità? E' tollerato?
Ne vedi di tutti i tipi. Scopo è un riflettente (catarifrangente) che, con i fari delle auto, riflette poi in varie direzione il fascio di luce dell'auto nel bosco e la selvaggina che la "vede" vedendosi "inquadrata" si ferma.
Passata l'auto, il riflesso non c'é più, il pericolo è scomparso e la vita... continua per la sicurezza di tutti.
Come sono fatti questi "riflettori"?
Volontari hanno utilizzato bottiglie in pet vuote, incollato 2 adesivi riflettenti e con un semplicissimo filo onde permettere la mobilità e rotazione, attaccati ad una pianta, palo, ramo, ecc... nelle immediate vicinanze della strada. Ho visto "vecchi" CD (si, dischetti di compiuter) appesi alla stessa maniera delle bottigliette.
Quindi come vedete il costo è praticamente zero e riciclaggio positivo di materiale.
Basta trovarsi in diversi volontari e farlo.
Ma la mia domanda potrebbe essere questa: questa posa è legale? Te la permettono? Deturpi il bosco? Inquini con i "rifiuti", ecc......


erika
am: 25.11.2007 2:57
Salve a tutti,
percorro spesso la strada Torre/Olivone e le strisce di cui parla Marcello sono estremamente utili specialmente quando è buio e se piove: personalmente seguo molto meglio il percorso e guido con maggiore sicurezza, grazie a queste strisce. Però non avrei mai pensato che fossero state posate anche quale "deterrente" per gli animali selvatici.
Cordiali saluti a tutti. erika
Richi
am: 23.11.2007 15:01
Ciao!
strisce rosse? Io non le ho mai viste... forse devo mettere gli occhiali.
A parte il fatto che, semmai, le devono vedere i cervi, mica noi :))

... io aspetto il regalo dei sursilvani, peccato che nevica. Se nevica e il Passo è chiuso, mi sa che non vengono all'Espo col regalo... :-))

Buona giornata a tutti!!!
marcello
am: 23.11.2007 12:13
Se ci fate caso, fra Aquila e Olivone si possono osservare delle strisce rosse catarifrangenti (non so se il termine sia giusto) applicate a vari oggetti presenti ai lati della strada.
È stata un'iniziativa di un ex-presidente di una delle società di caccia dell'Alta Valle, non so per quale motivo, forse non sono stati fatti i passi necessari verso l'Ufficio caccia e pesca, forse i funzionari pubblici hanno fatto finta di niente, comunque la cosa è finita lì.

Felice giornata...

Ora vado a spalare neve....
erika
am: 23.11.2007 0:02
Ciao Richi,
oltre ai 20 voti, ci hanno letto in 127: magari tra questi lettori c'è qualcuno che ha contatti con le autorità cantonali. O meglio ancora possono averci letto i nostri rappresentanti in Gran Consiglio. Speriamo! Adesso che ha nevicato il pericolo aumenta.
Quanto ai Sursilvani, non penso siano così generosi da farci dei regali: i "lanternini rossi" mi sa che dobbiano acquistarli noi
(se questa è la soluzione, almeno parziale, del problema).
Saluti a te e a tutti coloro che ci leggono.
SCONTRI AUTO-SELVAGGINA IN VALLE DI BLENIO
Seiten: 1 2 3
©1999-2018; Das Bleniotal im Internet    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
Web Konzept: Cresedo Tec
Wir übernehmen keine Verantwortung für den Inhalt der Websites, die unsere "Links" vorschlagen.

Die Veröffentlichung von Informazionen, die auf diesem Site erscheinen ist nur mit Angabe der Quelle: www.vallediblenio.ch möglich.