Blenio Café
OFF FFS CARGO PROIBITO MOLLARE
Ursula
am: 3.4.2008 23:12
Di sicuro hanno dimostrato per l’ennesima volta che considerano la gente dei numeri, teste senza volto. Qualcuno dall’alto si è persino dimostrato sorpreso dell’ampia reazione da parte del Canton Ticino.
La cattiva gestione si riversa così sugli operai e le loro famiglie, gente che psicologicamente sta vivendo momenti duri, non solo per la rabbia e le preoccupazioni per il proprio presente e futuro, ma anche per le condizioni di queste lunghe giornate, costretti allo sciopero dentro le officine.

A mio parere, in primo luogo, si sarebbe dovuto davvero applicare maggiormente il trasporto su rotaie, mentre i camion in realtà hanno in gran parte continuato a circolare sulla strada. Questo sarebbe già stato un passo in direzione positiva anche per gli operai e la gente che ci lavora in questo settore.

In secondo luogo, che la liberalizzazione del trasporto merci su rotaie è una realtà in tutta Europa e in Svizzera, è ormai un dato di fatto. Allora perché non aver cercato concorrenza in Italia, perché non aver perseguito con più forza una joint venture in Italia, invece di concentrarsi sull’espansione in Germania? Bisognava essere in grado di ridimensionarsi e fare il passo secondo la gamba: aprire il mercato in direzione dell’ Italia sarebbe forse stata una mossa più redditizia per tutti. È sul mercato italiano che si sarebbe magari potuto fornire prestazioni più concorrenziali e portare nel contempo un occhio di riguardo a favore della gente alle dipendenze…ma volere è potere… .
Richi
am: 1.4.2008 4:14
Ciao a tutti,
vediamo di fare due calcoli...
1,2 Mio franchi all'anno fanno, diviso 365, ben 3'287.- AL GIORNO !!! :-(
(compresa anche la domenica, dove anche i caporioni di tanto in tanto non fanno niente...).
CIFRE SCANDALOSE !
Soprattutto nei confronti degli operai!
In quella cifra giornaliera ci stanno, tra le tante cose necessarie per vivere..., anche 2 affitti (al giorno!!! -> 14 alla settimana... !!!) di un appartamento medio-bello a Bellinzona...

Fintanto che, in alto, ci sarà questa... "moda" degli onorari stratoferici e fintanto che i politici federali oltre che in Parlamento siedono in migliaia di CdA, i primi e i secondi non faranno MAI l'interesse del cittadino, ma prima sempre il loro e quello delle loro società.
Indovinate da dove viene la moda degli onorari stratosferici??? :-(

Chi indovina vince un "pranzo" al MC Donald più vicino, con Andreas Meyer.... :-))
daniele
am: 31.3.2008 22:13
Molto bene!!

Evviva, i nuovi balivi; hanno cambiato solo il nome e non risiedeono più nelle case dei Vogt - erroneamente tradotto in Fogt - ma nelle loro belle villette al di là delle Alpi e pagate da noi!

A sentire gli stipendi del commendator Meyer si rizzano i capelli. Un'altra considerazione: non è che per caso è nipote di zio Adolf, visto che arriva dalla medesima nazione??

A vedere il modo di comportarsi sembrerebbe di sì.

Altro punto: ma è mai possibile che un'azienda come FFS, comunque ancora Svizzera (anche se non per molto - Swiss e kaiser Franz Lufthansa insegna) e perciò messa in piedi con i nostri sudati risparmi, si permetta di acquistare-vendere casa per un suo dipendente, acquistandogli in più i capitali della cassa pensione? Normalmente il "povero cristo d'operaio", quando viene assunto da una ditta ed il capitale di cassa pensione da trasferire è basso, o si acquista lui stesso quanto manca oppure si accontenta di quello che c'è. Mica è stato obbligato a venire in Svizzera a far disastri, poteva starsene benissimo a casa sua a continuare la tradizione della probabile dinastia.

Ad di là del caso specifico, purtroppo molte grandi aziende, vanno su questa linea; di nuovi Führer ce ne sono sempre di più e messi lì appositamente per svendere: d'altronde è normale, questa gente è pagata non per fare i nostri interessi ma gli interessi di qualcun altro, suo vicino di casa o conoscente, tanto se ne fregano altamente del nostro paese e di noi, tanto chi siamo??
Sarebbe troppo azzardato pensare che fra qualche anno le nostre ferrovie saranno completamente di proprietà delle ferrovie germaniche?? Oggi l'ho detto, domani vedremo!
Di nostro resteranno solo gli orologi a cucù anche già da tempo fabbricati a Taiwan.

erika
am: 31.3.2008 20:14
Ciao Mara, ciao Marcello e grazie per le indicazioni.
Ieri sera abbiamo letto sul teletext, pag. 110, la notizia che voi segnalate (Blick e tio). Per metterla sul tragico-comico: blocco digestivo della sottoscritta e rizzamento dei pochi capelli rimasti sulla testa del consorte (funzionario federale in pensione).
Mi domando se, quando Meyer calerà al Sud delle Alpi, non troverà qualche testa calda che gli "cambia il posto delle orecchie" (come si dice in dialetto).
Chiedo scusa per lo sfogo poco ortodosso, buona giornata a tutti. Erika
marcello
am: 31.3.2008 14:34
Per chi ha difficoltà con il tedesco vi segnalo la notizia riportata su TIO,

www.tio.ch/aa_pagine_comuni/articolo_interna.asp?i...

Non badate agli errori ortografici... hanno persino dimenticato anche gli zeri, ma la sostanza non cambia

Buon lunedì
mara
am: 31.3.2008 13:14
Ciao Erika,
a livello federale, la crisi alle Officine di Bellinzona ha esasperato i già "delicati" rapporti tra UDC e PS, poi strumentalizzati ad arte qua e là... Regolamenti di conti in grande stile, insomma... :-)
Solitamente non leggo mai o raramente il "Blick", perché fa parte di quella "fascia di informazione" la cui affidabilità è spesso e volentieri assai dubbia... :-). Ieri mi è stato tuttavia segnalato che, proprio sull'edizione di domenica 30 marzo, l'UDC chiede le dimissioni del CdA delle FFS...

www.blick.ch/news/schweiz/der-sbb-lohnskandal-8724...

Fermo restando che tutta la gestione e la strategia delle FFS sono molto lacunose e dubbie (e scandalose!), da una decina di giorni resto dell'idea - sulla linea di quanto espresso da Marcello - che anche dalla parte delle maestranze si sarebbe potuto dare un altro tipo di segnale.
Buona giornata, ciao, mara
erika
am: 31.3.2008 2:26
Che la questione diventa sempre più difficile, è verissimo.
Al tavolo delle trattative si può far posto anche a membri del Governo, ma attorno a questo tavolo siedono ovviamente anche dirigenti e amministratori FFS: come ci si può fidare di questi ultimi, con quello che hanno combinato?
Perciò ribadisco che prima si deve fare piazza pulita ai vertici FFS, poi si potrà trattare e cercare soluzioni con un altro spirito e forse anche con un po' più di fiducia!
Saluti a tutti. Erika
marcello
am: 30.3.2008 15:02
Dopo quel famoso mercoledì di protesta in quel di Berna, gli operai avrebbero dovuto riprendere il lavoro, dando così un segnale positivo a tutti, e parallelamente portare avanti le trattative. Lo sciopero lo avrebbero potuto riprendere in un secondo tempo sulla base dei risultati.
Questo purtroppo non è accaduto.
Ancora mi chiedo se non fosse stato meglio durante le trattative avere al fianco delle maestranze una compagine governativa al posto dei sindacati

E ora la faccenda si fa molto precaria,

Buona Domenica a tutti
Richi
am: 29.3.2008 16:31
... mi sa che adesso la storia si fa davvero difficile...
Per gli operai, ovviamente. Le FFS Cargo, quelle, coi contratti già firmati qua e là, in fin della fiera faranno quel che vorranno...
Martina
am: 28.3.2008 16:04
Il Signor Maurizio Tarchini di Balerna ha redatto una lettera di protesta indirizzata a Doris Leuthard. Le sottoscrizioni sono più di 4000 ed è ancora possibile sottoscriverla (cliccando sul link sottostante o copiandolo).

Questa sera la invierà ai quotidiani.

www.mtxweb.ch/sottoscrizione.php
OFF FFS CARGO PROIBITO MOLLARE
Seiten: 1 2 3 4 5 6
©1999-2018; Das Bleniotal im Internet    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
Web Konzept: Cresedo Tec
Wir übernehmen keine Verantwortung für den Inhalt der Websites, die unsere "Links" vorschlagen.

Die Veröffentlichung von Informazionen, die auf diesem Site erscheinen ist nur mit Angabe der Quelle: www.vallediblenio.ch möglich.