Blenio Café
PARC ADULA
Joe
inserito il: 2.11.2008 23:34
Con interesse ho letto i contributi su questo forum.

Mi pare che vi siano molte analogie con il progetto di parco nel Locarnese, in particolare un`informazione con il contagocce da parte del comitato direttivo alla popolazione locale. Per non parlare dell'ubicazione della zona nucleo, la quale è top-secret da anni, magari ce la vorranno comunicare una volta che il parco verrà realizzato?? Sarà curioso verificare se integreranno anche le dighe dell'Alta Valle Maggia...

Sempre per quanto riguarda il progetto Locarnese, l'impressione è che il territorio (Onsernone, Valmaggia e Centovalli) con la sua storia (alpeggi, sfruttamento delle acque, cascine, ecc) mal si adatti agli scopi di un parco nazionale che non prevedono alcuna interazione umana.

Affaire à suivre...
morena
inserito il: 15.11.2008 21:57
Sono d'accordo con Marcello sul fatto di fare serate informative
sui lavori che il gruppo di studio Parc Adula sta facendo.
La gente ha diritto di sapere i pro e i contro di un Parco in Valle, e soprattutto se saremo ancora padroni dei nostri
sentieri, rustici, ecc... ecc.., cosa si potrà fare e quello che
non si potrà più fare.
Queste serate potranno aiutare anche il gruppo di studio.
Saluti a tutte
mara
inserito il: 28.11.2008 15:22
Da qualche giorno è on-line pure il sito del Parc Adula:
www.parcadula.ch

Buona navigazione

CHE BELLO CHE NEVICA!!!!!!
Richi
inserito il: 30.11.2008 21:00
E per chi non ha Internet????? ;-)
Morena
inserito il: 9.12.2008 2:12
Sono d'accordo con Richi, e chi non ha internet?
Ma perchè non volete fare serate informative sui lavori del Parc Adula?? Internet non è il posto adatto per informare la popolazione. O avete paura di non essere in grado di rispondere alle domande che, nelle serate informative, la gente vi porrà??
Moderatrici
inserito il: 20.1.2009 5:33
Saluti a tutti gli utenti,
riteniamo che l'articolo apparso oggi su "Corriere del Ticino" a p.15, pagina di Locarno, possa essere un valido spunto di discussione anche per il progetto Parc Adula.

Si tratta di un'intervista di Oliver Broggini a Michele Gilardi di Muralto, che sostiene esserci un'alternativa migliore al Parco nazionale.
L'intervista è davvero troppo lunga per proporla integralmente su BC.

Non ci resta che augurarvi buona lettura...
Se desiderate ricevere l'intervista, potete scrivere all'indirizzo bleniocafe@vallediblenio.ch e ve la inoltreremo via mail.

Le Moderatrici
mara
inserito il: 26.1.2009 3:47
Saluti a tutti,
per correttezza, vi segnalo la risposta all'intervista critica di Michele Gilardi (già sindaco di Muralto, vedi intervento qua sotto) apparsa sul "Corriere del Ticino" il 9 gennaio scorso. La risposa congiunta è pubblicata sul CdT di sabato 24 gennaio, p.18, ed è scritta dai tre presidenti del Consiglio del Parco nazionale del Locarnese: Beppe Savary-Borioli, Alfredo Martini e Ivo Wuthier.

In un passaggio finale, in merito alle procedure future e alla tempistica, si precisa:

" (...) Dopo il nulla osta di Berna, previsto per l'autunno prossimo, il progetto potrà entrare nella fase di pianificazione di dettaglio, alla quale parteciperanno la popolazione, le associazioni, gli enti e gli imprenditori attivi sul territorio. Questa fase sarà accompagnata da un'intensa attività di informazione, in modo da garantire che la popolazione locale, al momento del voto, tra circa 4 anni, possa esprimersi in perfetta cognizione di causa".

Mi è sembrato interessante citare questo passaggio, poiché il Parc Adula seguirà - a un anno di distanza - le medesime procedure.

Chi volesse copia della risposta congiunta, può scrivere a bleniocafe@vallediblenio.ch

Buona serata
Cleto Ferrari
inserito il: 20.2.2009 16:21
IL VALORE AGGIUNTO DEI PARCHI!
Il discorso parchi è affascinante. Per chi da anni si confronta con le dinamiche, territoriali, pianificatorie, istituzionali, turistiche e più in generale con le esigenze della società, nella creazione dei parchi trova risposte importanti.
Il parco è uno strumento che permette di operare su scala regionale, coinvolgendo molti attori e concentrando gli sforzi su pochi, chiari e validi obiettivi.
Considerato che i parchi si realizzano in regioni di regola rurali, esistono le premesse per costruire consenso presso la popolazione che è confrontata con delle problematiche comuni.
L’aspetto più difficile da sormontare è quello della protezione della natura a cui fa capo la legislazione dei parchi. Il problema scaturisce a mio avviso dal crescente manco di fiducia tra le popolazioni rurali e le organizzazioni ambientaliste e non tanto dal fatto di tutelare la natura o meno.
Chi vive nelle regioni rurali ha ancora un rapporto sano con la natura e non vede la stessa come minacciata in quanto ogni giorno deve gestirla. “Lavorare” la natura per ricavare un reddito, nutrimento, è stato tramandato da generazioni per non dire da millenni. Chi cura la natura, il territorio, ogni giorno è confrontato con l’esuberanza della stessa.
Le organizzazioni ambientaliste continuano a lanciare allarmismi e divieti. È chiaro, queste organizzazioni per avere tanti sostenitori devono profilarsi, fare pubblicità, soprattutto nei centri densamente popolati. Oggi la pubblicità è a suon d’emozioni. In un certo senso queste organizzazioni creano indirettamente uno scontro tra città e campagna. Tant’è che il cittadino spesso identifica coloro che operano sul territorio anche nelle zone più discoste quasi quale nemico della natura e non riconosce più le loro legittime esigenze operative.
È un peccato in quanto abbiamo sempre meno gente che sa ancora lavorare con la natura e trarre degli alimenti. D’altra parte queste organizzazioni promuovono principi importanti, ma finiscono per perdersi nelle priorità da perseguire; Sviluppano la centralità della natura relegando in secondo piano quella dell’uomo e soprattutto non sono più in grado di darci fiducia!
Sono un convinto sostenitore dei parchi. Osservando da tempo la natura e gli abitanti delle regioni rurali, individuo delle differenti priorità nell’impostazione di questo discorso rispetto alla politica cantonale. In Ticino è prioritaria la realizzazione di parchi regionali rispetto a quelli nazionali. Con i parchi regionali la centralità è data all’uomo, all’artigianato, al paesaggio che ha saputo creare e tramandare in un modello di estrema efficienza dell’uso delle risorse naturali. I parchi nazionali mettono al centro la natura.
Con il parco regionale possiamo costruire fiducia tra sapere tramandato, lavoro dell’uomo e la natura, tra città e campagna.
Cleto Ferrari: Segretario agricolo
Gina
inserito il: 21.2.2009 4:08
Ho letto con interesse il contributo di Cleto sui parchi naturali. Sono anch’io una sostenitrice di quest’idea - e ammetto che lo sono “di pancia”, non conoscendo ancora precisamente il progetto per la nostra regione. Ma ho dei bellissimi ricordi d’infanzia legati al parco nazionale engadinese, a escursioni, a incontri con la natura e con gli animali.

Sono convinta che la creazione di un parco naturale sarebbe una bella opportunità per sviluppare un turismo di qualità.

Non sono d’accordo però sulle affermazioni per quanto riguarda le associazioni ambientaliste che “continuano a lanciare allarmismi e divieti. È chiaro, queste organizzazioni per avere tanti sostenitori devono profilarsi…” come dice Cleto - non la vedo così!
A mio avviso le associazioni ambientaliste fanno il loro lavoro: denunciano abusi e soprusi dove ci sono. Ma allo stesso tempo promuovono anche il contatto diretto con la natura, e qui penso a svariatissimi esempi: escursionismo in inverno e in estate, lavorare sugli alpeggi, osservare la natura, pulire sentieri o fiumi, costruire ponti e molto altro. E tutto ciò sulla base del volontariato, e coinvolgendo numerose persone, soprattutto bambini e ragazzi. Come non riconoscere questo impegno?

Ma è pur vero che c’è questa diffidenza tra le persone che vivono nelle regioni periferiche e le associazioni ambientaliste. Come c’è una diffidenza verso le persone che provengono da città, e pensano di conoscere la soluzione ad ogni problema delle zone discoste. E chiaro, l’arroganza non paga mai. Ma d’altronde chiudersi del tutto non porta neanche da nessuna parte. Tutelare l’ambiente e la natura è di fondamentale importanza, per noi che viviamo nella periferia e per tutti quanti che viviamo su questo pianeta.

Il paesaggio incontaminato e la natura così possono diventare la nostra carta vincente da giocare: la base su cui costruire un futuro con delle ricadute economiche che danno da vivere ai nostri figli.

Ma soprattutto: osservare un ambiente non rovinato è bellissimo, per chi viene da fuori, ma anche per noi!
Moderatrici
inserito il: 23.2.2009 22:04
Saluti a tutti,

la cronaca cantonale ci offre ancora lo spunto per... dare uno spunto di discussione in questa tematica del nostro forum.

Il "Corriere del Ticino" di oggi, lunedì 23 febbraio a pagina 18 (Locarno) riporta un servizio dal titolo: "Parco, i rustici non si toccano" (red) che può essere interessante anche per la Valle di Blenio.

Altre informazioni sul Parco del Locarnese si possono trovare sul sito www.parconazionale.ch

Buona lettura.
Le Moderatrici
PARC ADULA
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98
©1999-2017; La Valle di Blenio in rete    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
sito creato da: Cresedo Tec
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sul contenuto dei siti proposti nei nostri "link".

La ripresa e pubblicazione di informazioni che appaiono su questo sito è possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch