Blenio Café
cosa fare per la valle?
Fabio
inserito il: 14.7.2018 6:10
Talvolta, anche il solo buon senso ed un normale modo di pensare potrebbe aiutare la Valle e le persone amanti delle passeggiate nella natura bleniese: per esempio, a Aquila, zona Sottorivale, l'accesso al letto del fiume sarebbe molto più piacevole senza gli scarti di materiale edile e di piastrelle ribaltati proprio sul sentiero di accesso al fiume.
Buon fine settimana.
maru
inserito il: 1.6.2018 8:45
Ciao a tutti,
se vogliamo fare qualcosa per la nostra Valle,
cominciamo a sostenere i giovani che propongono delle iniziative coraggiose e interessanti, come per esempio:

INVERNO IN TASCA

www.invernointasca.ch/

Dimostrate che i bleniesi hanno a cuore loro stazioni sciistiche aderendo a questo bel progetto, che ha il grande pregio di essere riuscito a far collaborare TUTTE le stazioni del Ticino (e non solo...).

I nostri 3 comuni l'hanno fatto, mettendosi a disposizione con una partecipazione finanziaria del 20% rivolta ai domiciliati che sottoscrivono gli abbonamenti entro il 30 giugno 2018.

Coraggio... cosa state aspettando???
Gaetan
inserito il: 15.4.2018 14:04
Proprio come scrisse 2 anni fa Alfiero, ci vorrebbe una "persona di riferimento", personaggio che sinceramente in Valle oggi non vedo. Pochi decenni fa si, ora non mi pare.
alfiero
inserito il: 15.4.2018 10:44
E' piaciuta anche a me quella trasmissione. un anno fa avevo scritto (ospedali di valle 17.05.17): "per far decollare una crescita sostanziosa ci vuole, ma è solo il mio parere, una persona di riferimento (consiglierei un'economista buon trascinatore) che tenga in considerazione tutti i rami di attività". La valle di Blenio ha molte risorse da sfruttare.

Potrei essere curioso su due cose:

- Il signor Pini non ha spiegato come si trova nel ruolo di manager di valle che sostiene lo sviluppo delle periferie, da una parte, e di Gran Consigliere che condivide lo sviluppo centripeto del cantone, (poco evidenziato alla popolazione) dall'altra. E' ormai tardi per lottare contro lo spopolamento delle valli, ora si deve operare per realizzare il ripopolamento e senza interventi nelle istituzioni che chiariscano l'obbiettivo comune da perseguire........... .

- Certo le relazioni preliminari con gli investitori interessati alla valle di Blenio non sono da mettere in piazza, ma mi permetto di pensare che senza promuovere il sostegno ESPRESSO della popolazione attraverso informazioni sulla bontà del progetto Terme e delle invidiabili possibilità di sinergia con l'ospedale e la Quercia sarà molto difficile convincere della fattibilità chi conta e chi investe............ .
Gaetan
inserito il: 13.4.2018 12:05
In valle di Blenio manca una persona come, per esempio, Nicola Pini. E ce ne vorrebbero magari anche più di uno... Ma almeno uno! A buon intenditore....
Comunque complimenti per la trasmissione Falò, anche all'on. sindaco di Acquarossa Odis De Leoni, che ritengo molto bravo.
mara
inserito il: 22.10.2017 10:55
COMPLIMENTI all'Associazione Meraviglie sul Brenno per il mercato-degustazione di ieri a Malvaglia! Decisamente una bellissima e ricca manifestazione il cui interesse - misurato dalla fortissima affluenza di pubblico!!! - è confermato o ha addirittura sorpreso in parte gli organizzatori stessi (in tutti i casi la sottoscritta!).
Brave e bravi davvero per le tante ore di impegno, anche ai coltivatori/trici, e grazie per quello che proponete! Guai a chi dice che "in Vall as fa nagot (o gnéént?? ;-) " e tanti meriti e complimenti a chi fa! :-)
Buona domenica!
Alfiero Devittori
inserito il: 11.8.2017 8:04
ora c'è del lavoro da fare, anche per la valle: Officine FFS a Biasca!
Secondo me non solo i politici, anche il desiderio espresso pubblicamente dalla gente a sostegno serve molto.
Gaetan
inserito il: 28.7.2017 18:50
Alfiero ha ragione, ma la valle di Blenio è un'altra cosa. La Verzasca è diversa. Però si potrebbe fare.
Alfiero Devittori
inserito il: 27.7.2017 9:08
Il "fenomeno" verzaschese di questi giorni preoccupa un pò ma soprattutto insegna. Qualcuno scrive oggi sul giornale che chi cercava tranquillità in Verzasca dovrà scegliersi un'altra vallata.

Il principale insegnamento che possiamo trarne è che fingere di dimenticare gli indizi che segnalano un progressivo avvento della gente verso le valli del Ticino, per fedeltà al principio della centralizzazione, non fa altro che cogliere impreparata la pianificazione del territorio e quant'altro concorre all'ordine pubblico.

Poi, ci dice che l'informazione alla massa non è più di sola competenza dei vertici e dei gremi direttori dei vari ambiti, occorre quindi indovinare l'evoluzione delle cose e pianificarla.

Il terzo insegnamento è che con questa realtà di cose, generata da fattori anche non voluti tutti da noi, la caratteristica della valle di Blenio fa apparire in tutta evidenza come la nostra valle abbia le premesse per diventare un luogo dove lavorare e vivere tranquillamente, dove i posti di lavoro tranquilli e senza ciminiera hanno probabilità di trovare sede, dove il territorio sostenibilmente disponibile per le abitazioni non manca, per di più vicino a un borgo che diventerà verosimilmente sempre più centro.

La sfida, tutta bleniese, stà nel compiere una fuga in avanti e pianificare questa evoluzione nella quale, anche se è solo una mia opinione, bisogna decidere se crederci o affrontare il rischio di lasciarci cogliere impreparati.

Perché non fare un filmato sulla ottima abitabilità della nostra valle?
Alcide
inserito il: 24.7.2017 18:26
Si sta infatti facendo qualcosa per la Valle. Date un'occhiata a questo articolo:
www.mtb-mag.com/sei-localita-alpine-per-le-vacanze...

cosa fare per la valle?
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26
©1999-2018; La Valle di Blenio in rete    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
sito creato da: Cresedo Tec
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sul contenuto dei siti proposti nei nostri "link".

La ripresa e pubblicazione di informazioni che appaiono su questo sito è possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch