Blenio Café
Terme di Acquarossa
christian
inserito il: 10.7.2009 18:46
Cari bleniesi...
Ma vi rendete conto che per l'ennesima volta le terme andranno in soffitta?????
Sveglia signori!!!!!!
Continuiamo a farci passare per dei ciöla da certe persone! I famosi 100000.--ch sono persi per la valle!!!!! Complimenti!!!!!!
christian
inserito il: 18.8.2009 22:18
Durante una certa riunione o meglio conferenza qualcuno ha detto:
A giugno sapremo dirvi chi è il promotore delle terme....

Lo so che magari sono pesante ecc ma se vogliamo rilanciare la valle, bisogna svegliarsi....

E non pascolare per le montagne con teleticino....
erika
inserito il: 12.10.2009 2:30
Intanto si è svegliata la... STAN (Società Ticinese per l'Arte e la Natura).
alfiero
inserito il: 12.10.2009 3:23
Le cose cominciano a bollire solo in presenza di una parvenza di realizzazione imminente delle nuove terme, e alla Stan non resta quindi (cittadino di Acquarossa prestandosi) che la via del ricorso, che certo non favorisce né snellisce il percorso realizzativo del Centro termale.
Io penso che i beni culturali, artistici e naturali, si difendono non con l’opposizione a ciò che si muove, all’ultimo momento, ma parlando per tempo, degli oggetti suscettibili di essere un valore artistico “non coltivato” creando intorno a loro il necessario interesse per gli interventi adeguati, prima che si metta in moto una trasformazione; 38 anni di tempo sono stati a disposizione della Stan per incanalare la volontà politica e il consenso popolare verso una ristrutturazione delle Terme in funzione del loro valore artistico e culturale, nel bello scenario naturale, ciò che, penso, sarebbe stato anche l’obbiettivo bleniese.
Purtroppo cosi non è, e il ricorso avrà il suo effetto ritardante e scoraggiante.

Buona sera.
Moderatrici
inserito il: 27.1.2010 4:42
Dal "Giornale del Popolo" di oggi, 26 gennaio 2010, p. 11
a firma MAG:

Che sia la volta buona?

*******************************

SETTIMANA CRUCIALE PER LE FUTURE TERME

Torna a riscaldarsi l’acqua delle Terme di Acquarossa. A nove mesi dalla presentazione dell’ambizioso progetto della nuova stazione termale bleniese, avvenuta lo scorso mese di marzo, un gruppo di imprenditori starebbe per firmare in questi giorni i primi contratti d’acquisto dei terreni sui quali sorgerà la nuova struttura turistico-curativa. Questi terreni, complessivamente si tratta di circa 40'000 mq, sono in massima parte di proprietà della Centro Benessere Terme
di Acquarossa SA di Beghjet Pacolli e Giorgio Giudici, società della quale i comuni bleniesi, sempre nove mesi fa, hanno acquisito un diritto di compera del pacchetto azionario sborsando 100’000 franchi anticipati dalla Ofible.
Il diritto di compera delle azioni, che comprende proprietà fondiarie e diritti di estrazione delle acque termali, scade nel 2014, ma fonti autorevoli confermano che in questi giorni si sta materializzando quell’investitore intermedio - o gruppo di investitori - che sarebbe disposto a metter mano al portafogli per portare il progetto fino all’ottenimento della licenza edilizia e poi rivenderlo o integrarlo con l’ingresso di altri finanziatori. Ricordiamo che il nuovo centro termale di Acquarossa prevede un investimento di circa 100 milioni di franchi per la costruzione di bagni termali, albergo a quattro stelle con ristoranti, centro fitness, padiglione per cure specialistiche e alloggi residenziali. (MAG)

*********************************
alfiero
inserito il: 31.1.2010 4:18
Ciao a tutti,
Sembrano arrivare buone nuove sul conto delle terme, mi fa piacere. Sono del parere che a queste notizie vada associata l’opinione di Mario Buzzi (ultima voce di Blenio), di coinvolgere finanziariamente nel progetto la gente, non solo, aggiungo io, ma anche le imprese, gli enti pubblici non solo come “sussidiatori” ma anche come liberi partecipanti al finanziamento. Penso che questo diritto sarà una clausula ricorrente nei contratti e nelle concessioni, ma non è automatico e per realizzarsi deve essere organizzato.
Mi fa piacere anche che il direttore dell’ente turistico abbia detto che le nuove terme non devono essere una cattedrale nel deserto. Quindi devono essere sostenute dalla realizzazione di tutta una serie di altre iniziative, e logicamente, dalla continuità e dal miglioramento di quanto già abbiamo.
Sarebbe, a mio parere, utile se la gente esprimesse, in questo momento, il suo sostegno alla realizzazione del progetto, (eventualmente proporre i suoi correttivi), perché è l’opinione favorevole espressa che da la misura del sostegno popolare non solo al progetto stesso ma anche alle iniziative collaterali e a quelle dipendenti dal progetto, come potrebbe essere l’attivazione di un sistema di formazione dei giovani nelle professioni affini alla salute, alla sanità, all’accoglienza

Buonasera.
Moderatrici
inserito il: 2.2.2010 22:21
Che sia la volta buona?

www.vallediblenio.ch/vdbi_cronaca.php

La Valle è pronta a crederci?

Le opinioni sono diverse. Se volete, condividete con il forum la vostra!

Le Moderatrici
alfiero
inserito il: 3.2.2010 19:10
Ciao
a dire il vero ero più ottimista, rassicurato e contento l’altro giorno quando sapevo solo le poche notizie trapelate qua e là, che non oggi dopo la conferenza stampa che ha emanato tutta l’incertezza che la cronaca, spero per suo dovere di informazione corretta, non ha potuto tacere.
Ci si aspettava notizie più rassicuranti, se è vero che i finanziatori si stanno interessando fin dal 2005. Hanno promesso lo studio di fattibilità, di concreto poco di più. A meno che il resto sia stato taciuto, ma tacere il meglio non mi sembra molto motivante per nessuno.
Si trattava di rassicurare gli investitori, di dire loro che da parte ticinese tutto è pronto. Questo, secondo la cronaca di oggi, non è avvenuto. Mancava, al tavolo presidenziale, il proprietario dell’acqua, una forte e compatta presenza politica locale, e cantonale...
Che gioco si sta giocando a Bellinzona con la loro assenza?... Forse che il Parco Adula guarda in cagnesco le Terme?... Il territorio da occupare non fa parte della zona periferica del parco?... Ma questo è un problema da risolvere subito non dopo la votazione sul parco... Rimango fiducioso, ma prendo atto di una calma inaspettata.
Vilmos
inserito il: 4.2.2010 1:20
Ciao a tutti!
Non credo che la presenza delle Terme dia fastidio al Parc Adula: anche se dovesse far parte della zona periferica , le strutture non costituirebbero un problema.
Non avrebbe senso mettere i bastoni fra le ruote alle Terme. Per nessuno.
Nessuno, per quanto (comprensibilmente) scettico non può aver a cuore il futuro di quella che da decenni è considerata l'unica, vera possibilità di rilancio della valle.
Comunque, come ho già avuto modo di scrivere qualche messaggio fa, lasciamo lavorare chi di dovere. Io ci credo.

Buona serata!
Fabio
inserito il: 5.2.2010 3:33
Caro Alfiero,
sei un mito non sei mai contento di niente e non riesci ad essere positivo, dai forza datti una mossa !
Oppure ti consiglio di cuore di cercare di vedere le cose con un altro punto di vista, cercando di capire i punti positivi e cosa fanno le altre persone della valle e non sempre criticare, mi capirai, per questa ragione ti rispondo dicendo semplicemente di lasciare lavorare la gente che vuole fare qualcosa per questa valle, non si puo sempre criticare, e incolpare alla fine le autorità Bleniesi e Bellinzona.
Scusami ma faccio fatica a seguirti, non farmene una colpa se ho avuto il coraggio di scrivere una volta quello che penso.
Fabio
Terme di Acquarossa
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18
©1999-2018; La Valle di Blenio in rete    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
sito creato da: Cresedo Tec
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sul contenuto dei siti proposti nei nostri "link".

La ripresa e pubblicazione di informazioni che appaiono su questo sito è possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch