Blenio Café
CAMPO BLENIO E NARA, QUAL FUTURO?
mara
inserito il: 23.10.2008 17:04
Sembra che il voto negativo del Parlamento di martedì scorso, abbia "smosso" parecchie cose. E' finalmente stato preparato l'atteso (in Valle...) messaggio municipale all'indirizzo del Consiglio comunale di Lugano, per l'acquisto di casa Greina a Campo Blenio.

Qui l'inizio dell'articolo apparso sull'edizione di oggi del "Giornale del Popolo", pagina 4, cronaca di Lugano:


"LUGANO - Proposto al CC l’acquisto di Casa Greina a Campo Blenio
Lugano sale in Valle, per l’inverno e per l’estate
Elaborato un messaggio municipale da oltre 3 milioni di franchi.
Giudici: «L’obiettivo?
Contribuire a sviluppare o mantenere attive strutture capaci di generare valore aggiunto»
Il Gran Consiglio penalizza le co­munità montane? Lugano fa esatta­mente il contrario, passando da una strada diversa. Forse non è un caso che proprio ieri – all’indomani della bocciatura del credito ponte di 940.000 franchi per la stagione 2008­2009 di Carì e Bosco Gurini – il Muni­cipio di Lugano abbia approvato il messaggio municipale relativo alla ri­chiesta di un credito di 3,165 milioni di franchi per l’acquisto di Casa Grei­na, struttura che si trova nel Comune di Blenio (frazione di Campo Blenio), che ospiterà parte delle settimane bianche e verdi promosse dalle scuo­le elementari cittadine a beneficio de­gli allievi".

Articolo completo a pagina 4 GdP di oggi, giovedì 23 ottobre.

O anche:
www.vallediblenio.ch/vdbi_cronaca.php

Claudia
inserito il: 23.10.2008 14:05
Questi sono i ringraziamenti che Walter Gianora ha voluto esprimere a tutti i partecipanti alla manifestazione.

"Colgo l'occasione per ringraziare tutti voi che avete partecipato con dignità e pazienza alla manifestazione di ieri.

È stato un momento memorabile, per certi versi toccante e significativo per tutti noi, oltre che importante per il futuro dell'intera valle.
Uniti si va più lontani e ci si fa rispettare!!

Ve ne sono immensamente grato e riconoscente, per me è stato un supporto fondamentale, una polizza d'assicurazione, quella di essere certo di avere dietro qualcuno, di farlo per qualcuno."

Penso sia giusto farli leggere a tutti.
Claudia
Damiano
inserito il: 23.10.2008 4:54
Nara e i suoi pregi dimenticati.

Sostengo quanto scritto sui giornali nelle scorse settimane dai Gran Consiglieri Gianni Guidicelli e Walter Gianora e vorrei aggiungere delle considerazioni. Al Nara si contano circa 30-35000 passaggi a stagione anche quando l’innevamento non è ottimale, ci si è chiesti il perché?
Non sicuramente per le infrastrutture efficienti (vedi seggiovia 2000 e parcheggi!), ma per la bellissima cornice panoramica che la stazione offre, per la varietà d’attività proposte (piste sci, pista slitte, percorso pedonale), per le piste sempre ben preparate e soprattutto per la politica dei prezzi ma non dimentichiamo il fiore all’occhiello del Nara: la presenza del sole.
Sono molto scettico sul fatto che i clienti del Nara, dopo un’eventuale chiusura, si rechino all’unica stazione meritevole di finanziamenti di Airolo-Pesciüm. Si sa che Airolo offre un buon innevamento ma il sole lo si vede poco. Noi della media Valle di Blenio, a parità di tempo di trasferta, preferiamo le stazioni della Surselva dove tutti quegli atout che il Nara offre li possiamo trovare anche lì.

Con l’apertura della seggiovia Cancorì-Nara2000 nel periodo estivo, la regione del Nara e tutta la zona ad est del Pizzo Molare, offre una rete di sentieri di facile accesso che pochi possono vantare, serviti al piano da un servizio di trasporto pubblico a cadenza oraria. Sui percorsi sono presenti due Capanne Alpine (Piandios e Gorda) a conduzione familiare in contrasto con gli "hotel di montagna" che oggi sono presenti sulle alpi. Si parla spesso di convertire gli impianti in un servizio esclusivamente estivo. La miglior soluzione sarebbe quella di poter coprire il più possibile i costi fissi durante la stagione estiva, così da non dover rinunciare completamente ad un attività invernale. Oltre a concedere aiuti diretti si deve da subito sostenere la regione con una promozione mirata, che valorizzi le caratteristiche della regione. A volte mi sembra che i confini della Valle di Blenio iniziano ad Olivone e terminano sulla Greina o a Casaccia sul Lucomagno, lasciando i sentieri del Nara semplicemente segnati su una cartina.

Vanazzi Damiano, presidente Sci Club Crap Ponto Valentino
Richi
inserito il: 23.10.2008 1:24
... ma toh! Dalla Leventina rispunta la rivendicazione dei CANONI D'ACQUA... Che sia la volta buona?

E da qualche parte oggi ho letto che si invita il Governo ad esaminare e valutare i modelli di gestione in atto nei Grigioni... Sì, nei Grigioni... Mi torna in mente il mio scritto del 3.9.2008 (12:06) su questo Forum... L'occasione eppur l'avevano... al posto di domandare cose, pagandole 250 mila franchi, di cui si conosceva già la risposta...
Gina
inserito il: 22.10.2008 15:36
Geniale l'idea di far marciare la Milizia di Leontica su Bellinzona, ne hanno parlato addirittura a "Echo der Zeit", trasmissione importantissima della Radio DRS1 - quindi, vi siete fatti notare, e in modo positivo e originale! Complimenti.
loris
inserito il: 22.10.2008 14:05
Ieri è proprio stata una giornata importante per tutta la Valle e per tutti i presenti, abbiamo potuto "respirare" l'ambiente politico e un pochino caotico del Gran Consiglio. È vero che un segnale verso la nostra Valle è stato fatto e questo sopratutto grazie al sostegno dei nostri rappresentanti e dei molti vallerani accorsi..la Valle di Blenio era ben presente ma vi siete chiesti dov'erano i valmaggesi e i leventinesi ? In ogni modo ora si dovrà vigilare ancora di più e prendere in mano le nostre stazioni e fare delle proposte concrete e coraggiose al Cantone....forse è la svolta per ottenere una maggiore unità all'interno della Valle !
Moderatrici
inserito il: 22.10.2008 3:57
Cari utenti interessati a questa tematica di strettissima ed importante attualità,

trovate qualche info sul sito Ticinonline e sicuramente le cronache parlamentari di domani andranno maggiormente nei dettagli:

www.tio.ch/aa_pagine_comuni/articolo_interna.asp?i...

Buona serata
Fabio (ANSA)
inserito il: 22.10.2008 3:54
Strategie future nel campo degli impianti di risalita
La Valle di Blenio si appella ai Parlamentari ticinesi

La Valle di Blenio sente ed esprime in questo delicato momento il profondo disagio di tutta la popolazione e delle sue istituzioni, di fronte alla strategia futura enunciata dal Governo nel campo degli impianti di risalita, contenuta nel messaggio N. 6129 che è stato discusso oggi in Parlamento, secondo la quale gli impianti sciistici della Valle sarebbero estromessi da qualsiasi aiuto ed attenzione da parte del Cantone. La consideriamo una decisione ingiusta e che crea, a parità di potenzialità, una disparità di trattamento tra le regioni e pesanti ricadute negative sulla nostra socio-economia.

Contrariamente a quanto riportato da alcuni media, fedele allo spirito vallerano e al suo indolo, la Valle di Blenio non è marciata sulla capitale con le proprie truppe, ma è stata spettatrice attenta e fedele nel pieno rispetto del principio di delega alle istituzioni delle competenze decisionali.

La nostra è stata una presenza istituzionale e dignitosa, attenta e consapevole delle regole del gioco istituzionale, con i Municipi di Blenio e di Acquarossa, il presidente dell’Associazione dei comuni di Blenio, la direzione di Blenio Turismo, i rappresentati delle società proprietarie e che gestiscono gli impianti del Nara e di Campo Blenio e gli allievi della Scuola Media di Acquarossa, quest’ultimi quali ambasciatori del nostro futuro, certi che questa occasione è stata per loro un’indimenticabile lezione pratica di civica nel quale si giocato parte del loro futuro.

A questo proposito vorremmo ringraziare tutti voi che siete intervenuti numerosi: oltre 150 persone e tutti i parlamentari eletti dai cittadini, che hanno difeso a denti stretti le esigenze del Ticino e anche del Paese reale bleniese.

Grazie di cuore a tutti voi, vi comunico che venerdi 31 ottobre alle ore 20.00 a Malvaglia avremo l'occasione di parlarne assieme di questo importante riconoscimento.

Fabio
martino
inserito il: 22.10.2008 2:33
GRAZIE WALTER!!!!!
La Valle di Blenio oggi ha ottenuto una vittoria.
La tua grinta, la tenacia ed il coraggio hanno permesso alla Valle di essere stata riconosciuta a livello cantonale.
Ora lavoro da fare ne resta ancora molto, ma penso che un grosso passo nella giusta direzione sia stato compiuto.
Saluti martino e Co.
marcello
inserito il: 22.10.2008 2:29
Tutto sommato penso sia scaturita una decisione giusta, a condizioni però che il Governo e il Parlamento abbiano ad affrontare e risolvere una volta per tutte il problema del finanziamento a TUTTE le strutture invernali meritevoli, e qui mi riferisco in particolare alle nostre stazioni, le quali hanno dato esempio nel saper gestire le infrastrutture esistenti con oculatezza rimanendo con i piedi per terra, tralasciando progetti al di fuori della realtà.
Siamo sicuramente di fronte ad una svolta storica, tocca agli interessati sapere adesso in questo preciso istante cogliere le opportunità che oggi si presentano, mi riferisco al progetto Gottardo e alla nuova NPR, sono treni in partenza, guai a perderli, anzi bisogna evitare di salire sulle ultime carrozze!
CAMPO BLENIO E NARA, QUAL FUTURO?
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17
©1999-2018; La Valle di Blenio in rete    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
sito creato da: Cresedo Tec
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sul contenuto dei siti proposti nei nostri "link".

La ripresa e pubblicazione di informazioni che appaiono su questo sito è possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch