Blenio Café
Il ritiro dei ghiacciai e il cambiamento del clima
Martino e Claudia
inserito il: 22.9.2006 16:40
Per il prossimo 7 dicembre è stata organizzata alle Scuole Medie di Acquarossa una serata sul tema del ritiro dei ghiacciai e il cambiamento del clima. Il relatore sarà il metereolo e glaciologo Giovanni Kappenberger.
I nostri ghacciai sono in agonia. Pensate che il ghiacciao del Basodino, il più grande del Cantone Ticino, attualmente ha uno spessore medio del ghiaccio di 25 m. Ogni anno un metro di ghiaccio cola. Fate un po' il calcolo. Fra ca. 20-25 anni non ci sarà più.
Cosa ne pensate di questo tema????
La vostra opinione ci interessa molto.
Martino e Claudia
Viktor
inserito il: 9.10.2006 8:57
Ciao Martino e Claudia! Ciao a tutti!
Grazie per aver lanciato questo tema molto attuale e importante! Mi chiedo se mai ci sono dei vallerani che possiedono ancora vecchie fotografie del ghiacciao dell’Adula, diciamo degli Anni Quaranta o prima, per paragonarle con fotografie di oggi… Sarebbe molto interessante e convincente illustrare il ritiro dei ghiacciai in questo modo visto «da casa nostra ». Forse le nostre gentili moderatrici possono mettere le foto anche su questo sito!

mara
inserito il: 10.10.2006 22:23
Ciao cari utenti,
rispondo a titolo personale perché ho visto appena ora una cosa che mi ha colpita: sull'ultimo numero del mensile "Tre Valli" (edito da Jam, Prosito) a pagina 19 ci sono due fotografie scattate da Gabriele Ceresa di Airolo. Ritraggono il ghiacciaio del Pizzo Lucendro, il primo pizzo "vero" che ho fatto da bambina, assieme a mio padre e a mio fratello e al quale ho legato molti bei ricordi di tante estati della mia infanzia ad Airolo e sulle montagne circostanti... Beh, vedere la foto del 1991 (non poi cent'anni fa...) e quella scattata da Gabriele il luglio scorso (15 anni dopo...), fa male al cuore...
Così come sono rimasta male, all'inizio di quest'estate, la prima volta che - dall'altro versante della Valle di Blenio - ho visto l'Adula dopo l'inverno...
Raccolgo l'invito dell'amico Viktor: chi avesse delle vecchie fotografie del ghiacciaio dell'Adula, ce le può mandare. Le elaboreremo, pubblicheremo sul sito e ve le ritorneremo, ovviamente. Ma il problema rimane... ahinoi...
Cristian
inserito il: 30.10.2006 23:27
Ciao a tutti,

il ritiro dei ghiacciai e le icone del paesaggio alpino introducono delle forti motivazioni emozionali nel dibattito sui cambiamenti climatici. Io mi occupo di qualcosa di meno visibile ma ugualmente implicato nel riscaldamento climatico e fonte di ampi dibattiti (sto svolgendo il mio lavoro di diploma sullo studio del permafrost in alta Valle Malvaglia). Il ritiro di un ghiacciaio è direttamente collegato a dei cambiamenti nel regime e nella ripartizione delle temperature e/o delle precipitazioni. Si discute tanto dell’apporto dell’uomo (a mio avviso indiscutibile), ma molte volte si tirano troppo presto delle conclusioni su dei fatti scientificamente sbagliati. Eccovi un esempio:
FALSO: la velocità dei cambiamenti climatici negli ultimi decenni è particolarmente straordinaria. La storia recente della Terra ha invece visto dei cambiamenti anche più bruschi. Per quanto concerne l’estensione dei ghiacciai, basti pensare che dalla fine dell’ultima età glaciale (10'000 anni fa circa), per 5400 anni (più della metà del tempo) l’estensione dei ghiacciai era più ridotta rispetto ad oggigiorno.
VERO: l’aumento della velocità dei cambiamenti climatici è dovuto (in parte) all’effetto antropico. Penso che sia ora di tirare la campanella d’allarme, altrimenti nei prossimi anni saremo confrontati ad un probabile aumento dei rischi naturali. Questo aumento è naturale, poiché la pressione demografica obbliga l’essere umano a stabilirsi in zone a vulnerabilità sempre più grande.

Credo che le foto dei ghiacciai siano un buon mezzo per giocare con le emozioni della gente e convincerla che un cambiamento radicale (nei consumi, nella mobilità, nel rispetto degli altri e della natura) non sia più solamente auspicabile, ma addirittura necessario.



Claudia
inserito il: 7.11.2006 21:27
Rispondo a Viktor, che era alla ricerca di vecchie foto della cima dell'Adula. Purtroppo io non ne ho, però posso segnalare un fascicolo molto interessante. Si tratta della rivista Dati, numero 2/2006 pubblicato dall'Ufficio di statistica del Cantone Ticino. Al suo interno è pubblicato un dossier molto interessante sul tema dei ghiacciai. La stessa può essere richiesta all'Ufficio di Statistica, Stabile Torretta, 6500 Bellinzona (e-mail: dfe-ustat@ti.ch). Costo Fr. 18.--. Il mese di dicembre verrà pubblicato su Inernet al sito www.ti.ch/ustat.
bruno
inserito il: 9.12.2006 3:56
Martino, Loris: semplicemente COMPLIMENTI per l'ottima serata. Giovanni Kappenberger ha saputo deliziarci con una presentazione "tecnicamente" certamente non facile. In certi momenti e per certi versi era decisamente destinata a degli addetti al lavoro. Nei momenti di "poca attenzione" del pubblico ha saputo però inserire quel tanto che basta per ravvivare l'attenzione.
E adesso? A noi seminare quanto ha saputo trasmetterci.
Il prossimo 1° aprile è già una prima occasione (mi avete certamente capito!). A noi intraprendere i primi timidi piccoli passi.
Dalle piccole cose nascono grandi cose. Per arrivare al milione si passa forzatamente dal centesimo. Per arrivare ad un'aria più pulita si incomincia dal proprio riscaldamento di casa! In fin dei conti un pullover non guasta neanche in casa! Anzi!
mara
inserito il: 9.12.2006 5:51
Ciao,
a dire la verità, avrei voluto precedere Bruno... ma evidentemente non ce l'ho fatta! :-((
Semplicemente per complimentarmi anch'io con il gruppo di giovani bleniesi, appassionati di montagna ed amanti della Natura, che spontaneamente hanno voluto contattare Kappenberger per parlare di uno dei grandi problemi cui è confrontato oggi l'Uomo. Un pregio a loro e alle Banche Raiffeisen della Valle che in loro hanno creduto e che li hanno sostenuti, a concreta testimonianza della vicinanza di questo istituto bancario alla popolazione locale. La sala stracolma (+ di 200 persone?) dimostra che l'interesse c'è. Ora spetta ad ognuno di noi agire, anche se "solo" nel nostro "piccolo".
Saluti a tutti e speriamo che arrivi la NEVEEEE !
mara

Axel
inserito il: 14.12.2006 2:17
Voglio solo aggiungere che mi ha fatto molto piacere vedere tanti ragazzi presenti alla serata, loro dovrebbero essere dei... "terreni nuovi", dove sia più facile... arare e seminare, sperando che qualcosa attecchisca.
Cristian
inserito il: 19.12.2006 18:14
Ciao a tutti,
purtroppo non ho potuto essere presente alla conferenza di Giovanni Kappenberger, ma noto con piacere che ha saputo suscitare l'interesse del pubblico. Penso che non sarebbe male dare un seguito all'iniziativa, organizzando magari delle escursioni a tema sull'ambiente alpino (e non solo sui ghiacciai), e sui cambiamenti del paesaggio a seguito dei cambiamenti climatici.

Buona settimana a tutti,
Ciao Cristian
mara
inserito il: 19.1.2007 19:47
Ciao a tutti...

tanto per continuare un discorso, che fa riflettere...

CdT del 18 gennaio 2007:

"Non si ferma il ritiro dei ghiacciai svizzeri", pagina Cronaca Svizzera.
Quello del Suretta (Grigioni) si è ritirato addirittura di 700 (!!!) metri!!! (nel 2006). Ritiro anche per il mitico l'Aletsch (Vallese) di 115 in un solo anno...

Difficile "congedarsi" con dati del genere. Non si sa più cosa pensare, ma indubbiamente il riscaldamento dell'atmosfera causato dall'Uomo incide...
ciao, mara
Il ritiro dei ghiacciai e il cambiamento del clima
Pagine: 1 2 3
©1999-2018; La Valle di Blenio in rete    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
sito creato da: Cresedo Tec
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sul contenuto dei siti proposti nei nostri "link".

La ripresa e pubblicazione di informazioni che appaiono su questo sito è possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch