Emigrazione - La Famiglia Bravi
Fratelli Ambrogio e Antonio Bravi, 1868
STORIA DELL'EMIGRAZIONE IN URUGUAY (1868)
contributo cortesiasignora Bravi
 

U n altro capitolo interessante e poco conosciuto dell'emigrazione bleniese Ŕ quello che concerne l'Uruguay. Qui la signora Rosa Maria Bravi Souza in Severgnini (domiciliata in Uruguay), mette a disposizione le ricerche effettuate sulla sua famiglia, originaria di Prugiasco.

L a storia inizia con i fratelli Ambrogio e Antonio Bravi. La fotografia in alto fu scattata a Prugiasco nel 1868 assieme ad altri amici, prima che qualcuno di loro emigrasse verso l'America. La foto fu poi inviata alla signora Rosa Maria Bravi dal Legislatore della California, signor Peter Frusetta. Nella stessa compare infatti anche il nonno del signor Frusetta, ossia Antonio Ambrosio Frusetta.

M a torniamo ad Ambrogio Bravi Dell'Oro (bisnonno di Rosa Maria Bravi). Egli naque a Prugiasco il 16 aprile 1844. Nello stesso villaggio, si spos˛ con Adelaida Jemini Mandioni e da lei ebbe sette figli: Rocco (nonno di Rosa Maria Bravi), Giuseppe Carlo, Caterina, Giovanni Antonio, Maria Clotilde, Pia Assunta e Maria Leticia Desolina.

Biglietto imbarco sulla La Veloce

A 21 anni, il primogenito Rocco emigr˛ verso l'America del Sud dal porto di Genova: era il 12 maggio 1898. Il giovane si imbarc˛ sulla nave "La Veloce" assieme allo zio Antonio Jemini. Una lettera del cugino di quest'ultimo (datata 20 maggio 1898) Inocenzo Jemini, racconta "cosa fare per poter viaggiare", ma loro... erano giÓ in viaggio!

Q uando Rocco arriv˛ in Uruguay, si stabilý a Santa Rosa del Cuareim (oggi "Bella Unione"). Lý vivevano diversi svizzeri e italiani e, inizialmente, vi trov˛ lavoro come fornaio. Nei circoli della piccola comunitÓ italo-svizzera si parlava un p˛ dialetto, un p˛ italiano e un p˛ spagnolo. Il loro legame con il Paese d'origine era molto forte e la comunicazione epistolare era quindi frequentissima.

Rocco Bravi e la sua famiglia nel 1912

R occo si spos˛ con MarÝa Colombo Scola ed ebbero pure loro sette figli. Il primo, Ambrosio, nacque il 19 febbraio 1907. Poi vennero alla luce Adelaide, Rodolfo, Alberto, Maria Pia Leticia, Guglielmo e, per ultimo, Giovanni che nacque l'8 marzo 1916. Rocco morý giovane nel 1919.

I l figlio primogenito Ambrosio emigr˛ in Argentina quando aveva solo 12 anni e si stabilý a Mercedes (Corrientes), dove lavor˛ come impiegato in alcuni negozi specializzati in prodotti del luogo (cuoio, lana, ecc.).

N el mese di febbraio, in occasione delle sue vacanze, ogni volta che poteva Ambrosio si recava a Bella Unione, dalla sua famiglia natale. Si spos˛ con Ada Gonzßlez Alfonso e da lei ebbe un figlio: Roberto Bravi. Ambrosio morý il 4 giugno 1978. Il figlio Roberto vive tuttora in Argentina (Corrientes) dove Ŕ medico chirurgo nell'Ospedale "Vidal".

Giovanni Bravi, ultimo figlio di Rocco

L' ultimo figlio di Rocco, Giovanni, spos˛ Enilda Souza Albano e da questo matrimonio nacquero due figli: Rosa Maria (alla quale si deve la riscostruzione di questa storia) e Jorge Wilson, nato a Santa Rosa del Cuareim.

L a signora Rosa Maria Bravi, docente e socia della SocietÓ Svizzera a Paysand˙ (Uruguay), inizi˛ a raccogliere dati ed informazioni sulla vita di suo padre quando quest'ultimo ancora lavorava (presso le officine UTE di Telefonia dello Stato). Giovanni era pure socio della SocietÓ Svizzera di Mutuo Soccorso. Morý il 1.ottobre 1998.

Cartolina mandata a Rocco Bravi da Prugiasco il 15.dicembre 1900

R osa Maria Bravi ringrazia tutti coloro i quali l'hanno aiutata a ricostruire la sua storia (tra cui Lino Vescovi di Olivone) e a re-incontrare i parenti di Rocco Bravi Jemini.


Rosa Bravi Ŕ stata a Prugiasco per la prima volta il 24 maggio 2015. Il racconto della sua emozionante visita [PDF].

Chi avesse ulteriori informazioni, fotografie o documenti, Ŕ gentilmente pregato di contattare il signor Roberto Bravi o la signora Rosa Maria Bravi.


©1999-2017; La Valle di Blenio in rete    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
sito creato da: Cresedo Tec
Non ci assumiamo nessuna responsabilitÓ sul contenuto dei siti proposti nei nostri "link".

La ripresa e pubblicazione di informazioni che appaiono su questo sito Ŕ possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch