Banche Raiffeisen della Valle di Blenio
Valle di Blenio: Cronaca della valle
foto cortesia: Roberto Cort, rcorti@tinet.ch
Lucomagno, foto cortesia: Roberto Corti, rcorti@tinet.ch
In questo piccolo "giornalino on-line" della Valle di Blenio sono riportate le principali notizie relative all'intera Valle e/o informazioni d'importanza regionale.
Le notizie vengono regolarmente aggiornate e quelle più importanti o di maggiore interesse vengono inserite nell'Archivio.
Attualmente la nostra cronaca contiene complessivamente 1209 articoli.
Se avete delle informazioni interessanti o delle segnalazioni da comunicarci, potete farlo scrivendo all'indirizzo: cronaca@vallediblenio.ch. Le vostre proposte verranno attentamente valutate.
La ripresa e pubblicazione di articoli che appaiono in questa Sezione
è possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch.


RAIFFEISEN: SI ALLA FUSIONE DELLE SEDI; NEL 2015 SI INAUGURA LA SEDE CENTRALE A BIASCA 14 / 04 / 2014


E' stata approvata dai soci riunitisi in assemblea ad Acquarossa venerdì 11 aprile scorso la fusione della Banca Raiffeisen BiascaLodrino, Leventina e Valblenio, dando vita alla Banca Raiffeisen Tre Valli.

Il nuovo Consiglio d'amministrazione è composto da Stefano Cavadini (presidente), Valerio Antonini (vice), Sergio Barloggio (segretario), Alcide Barberis, Elvio Bernardi, Enrico Bruni e Ivano Riverso.
Carlo Barbieri sarà il presidente della Direzione, coadiuvato da Ivano Citrini e Giuliano Peduzzi (vicepresidenti), Ivano Derighetti e Davide Gabutti.
Nel 2015 verrà inaugurata la nuova sede nello stabile in fase di realizzazione in Piazza Centrale a Biasca.

Fonte: "laRegioneTicino", 14.04.2014, p.7



PARC ADULA, LA DIREZIONE ESPRIME SODDISFAZIONE PER I RISULTATI DEL SONDAGGIO 10 / 04 / 2014


Sono pubblicati oggi i risultati del sondaggio condotto dall’istituto WSL.
Parc Adula si dice soddisfatto di quanto emerso.

Il 32% della popolazione intervistata nelle 5 regioni interessate tramite il questionario si è dichiarato "Decisamente favorevole".
A questi si aggiungono un 19% che si è dichiarato "Favorevole", ma con riserva.
Il 51% delle persone intervistate si è quindi dichiarato "Decisamente favorevole" o "Favorevole". Per contro i "Decisamente contrari" sono il 27% al quale si aggiunge un 6% che si dichiara "Contrario" ma con riserva, per un totale di 33% delle persone intervistate.

In 4 regioni su 5 (Alta Mesolcina, Calanca, Valle di Blenio e Rheinwald) la tendenza è "Molto positiva" o "Positiva" mentre per la Surselva la tendenza rimane "Negativa".

Il Team Parc Adula rinnoverà i suoi sforzi per informare nel modo più completo e trasparente l'intera popolazione e invita tutti coloro che ancora esprimono dubbi e perplessità a consultare le pubblicazioni di Parc Adula, il sito www.parcadula.ch , la pagina Facebook o a contattare uno degli uffici a Curaglia, Olivone, Rossa, Splügen, Vals e Roveredo.

Fonte: Comunicato stampa via mail del Team Parc Adula, 10.04, 2014, ore 13.07

Datî del sondaggio: risultati sondaggio WSL



ACQUAROSSA, CASA COMUNALE TRA PETIZIONE E SOLUZIONE 08 / 04 / 2014


Nuova Casa comunale di Acquarossa, siamo ai tempi supplementari. Mentre Municipio e studio d’architettura Fiorini SA stanno mettendo a punto i correttivi al progetto risultato vincente dopo il concorso pubblico per la realizzazione della nuova Casa comunale sul sedime delle ex Scuole di Comprovasco.

La licenza edilizia è stata bloccata da un ricorso presentato da un confinante e accolto dal Governo cantonale, così un gruppo di cittadini di Acquarossa ha lanciato negli scorsi giorni una petizione che rimescola le carte in tavola.
Con la denominazione “Una casa comunale per i cittadini”, primo firmatario l’imprenditore Odis Barbara De Leoni, è stata distribuita a tutti i fuochi la proposta di cambiare ubicazione alla prevista costruzione della nuova sede amministrativa, individuando nel terreno ex Lazzaretti, anch’esso di proprietà comunale, il sedime ideale per la realizzazione del progetto.
«La superficie dell’ex Lazzaretti (circa 12.000 mq in prossimità del Cinema, ndr) è completamente libera, anche in seguito alla rinuncia a costruire il Caseificio della Valle di Blenio. Quindi possiamo immaginare lì una nuova Casa comunale con annessi magazzini e piazza parcheggio», si sottolinea nella petizione che avrebbe già raccolto qualche centinaio di firme.

In attesa però che la petizione sia presentata, il Municipio sta lavorando, insieme ai progettisti, sulla variante per la nuova Casa comunale prevista al posto dell’ex stabile delle Scuole di Comprovasco, in particolare sull’altezza delle mura di confine del futuro edificio e oggetto del ricorso accolto.

Fonte: "Giornale del Popolo", 8.04.2014, Mauro Giacometti, p.13



VALLE DI BLENIO, CASEIFICIO COLLEGATO DA TRE PERCORSI TEMATICI 07 / 04 / 2014



E’ in dirittura d’arrivo la progettazione del futuro nuovo Caseificio della Valle di Blenio, che sorgerà non più ad Acquarossa, come noto, ma a Olivone sul terreno dell’ex ristorante Alpino, che verrà completamente abbattuto per lasciare spazio alla nuova struttura.
A breve la “Caseificio Valle di Blenio SA” inoltrerà la domanda di costruzione, mentre entro la fine di giugno il dossier completo di businessplan verrà sottoposto ai competenti uffici federali e cantonali al fine di poter accedere ai previsti aiuti finanziari (l’investimento complessivo è stimato attorno ai 7 milioni di franchi).

Il Caseificio, che è il tassello trainante dei progetti di Blenio Plus, lavorerà tra l’1 e 1,5 milioni di chili di latte prodotto senza foraggi insilati, per una produzione di circa 100/120 tonnellate di formaggio e, per la parte energetica, la struttura verrà allacciata alla rete del previsto impianto a biomassa che si costruisce pure a Olivone.
Le aziende che hanno aderito al progetto sono finora una quindicina, pari ad un terzo dei produttori di latte bleniesi.

LE MERAVIGLIE LUNGO IL BRENNO TOCCATE DA TRE ITINERARI

Il punto della situazione di questo progetto è stato fatto il 27 marzo scorso a Malvaglia da Luigi Arcioni, presidente della Società agricola bleniese (iniziale promotrice del progetto) e presidente pure della SA del Caseificio.
L’occasione era data dall’assemblea dell’"Associazione Meraviglie del Brenno", nata un anno fa con l’intento di valorizzare e far conoscere le aziende agricole bleniesi e i loro prodotti, di metterle in rete e di salvaguardare il territorio della Valle.
Presieduta da Giovanna Dandrea (Serravalle), la giovane associazione conta una sessantina di soci ed è aperta ad altre adesioni. Nel corso del primo anno di attività, ha portato avanti il progetto di Sentieri tematici (uno dei sottoprogetti di Blenio Plus), con l’aiuto del geografo Federico Laurianti.
Tre sono i percorsi individuati e legati a tematiche particolari. Essi si snodano in gran parte sulla rete di sentieri già esistente, priva di difficoltà e quindi adatta per le famiglie.

Il “Sentiero del castagno” avrà un carattere piuttosto storico/culturale e attraverserà le selve della bassa e media Valle, quello del “fieno” coinvolgerà maggiormente le aziende e si snoderà lungo le campagne del fondovalle (Sentiero basso della Valle), mentre quello del “vino” toccherà i vigneti, i torchi, alambicchi (ev da recuperare) della Bassa e Media Blenio.
Solo alcuni tratti necessiteranno di una sistemazione o realizzazione ex novo, mentre in Bassa Blenio si pensa alla realizzazione di una passerella tra le due sponde del fiume Brenno (progetto che figura già tra quelli del comune di Serravalle).
Lungo la golena del Brenno, si intende pure realizzare alcune torrette in legno per l’osservazione degli uccelli.
Con lo spostamento del caseificio da Acquarossa a Olivone, deciso durante lo scorso autunno, anche gli itinerari devono ora essere prolungati verso nord”, ha detto il geografo, “e questo perché il Caseificio, dove ci sarà pure un punto vendita, è inteso quale luogo ideale di arrivo e partenza dei percorsi”. Nei prossimi mesi verranno quindi contattate anche le aziende agricole dell’alta Blenio.

Intanto il prossimo 25 maggio, l’associazione “Meraviglie del Brenno” organizza la quarta edizione della “Festa in Golena” che coinvolgerà le aziende della Bassa Blenio, con porte aperte e brunch in fattoria.

Fonte: Red sito VdB e "laRegione Ticino", 7.04.2014, m.z, p.7

Foto: gli itinerari toccheranno tutta la Valle, da Malvaglia fino a Olivone (foto aerea Bruno Pellandini)



BLENIO STARS UNIHOCKEY, LE JUNIORI ALLE FINALI SVIZZERE 04 / 04 / 2014



Le ragazze “Juniorinnen A ”della Blenio Stars Unihockey, al termine di una stagione ricca di soddisfazioni e vincendo il loro girone di campionato, hanno conquistato il diritto di partecipare alle finali svizzere.

Anche quest’anno le ragazze hanno dimostrato grande carattere e un gioco spumeggiante che ha permesso loro di raggiungere (per la seconda volta) l’ambito traguardo. A parte la flessione avuta nelle ultime partite di campionato, quando ormai le ragazze avevano già staccato il biglietto per le finali svizzere, le “Juniorinnen A” sono state insuperabili tanto da guadagnarsi pure i complimenti delle squadre avversarie, soprattutto per il fair play dimostrato.

L’Unihockey femminile, tanto praticato e conosciuto oltre Gottardo, in Ticino non riesce invece a suscitare l’entusiasmo delle giovani leve. Da parecchie stagioni, le ragazze della Blenio Stars Unihockey sono così le uniche, in ambito “Juniori”, a varcare ogni anno il Gottardo per partecipare al campionato svizzero.
I vertici del sodalizio e tutto il movimento sperano che il raggiungimento di questi importanti risultati possa magari invogliare nuove ragazza ad avvicinare il gioco dell’Unihockey, una nobile disciplina di squadra praticata in palestra.

Ma ora non resta che auguare alle “Juniorinnen A” della Blenio Stars Unihockey di poter giocare il torneo delle finali, che si svolgerà il 12 e 13 aprile a Riehen località vicino a Basilea, con la determinazione e il brio che fino ad oggi le ha caratterizzate.

Fonte: Comunicato stampa via mail, 3.04.2014, Rudy Cabrele, ore 14.29

Foto: la formazione delle "Juniorinnen A"




©1999-2014; La Valle di Blenio in rete    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
sito creato da: Cresedo Tec
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sul contenuto dei siti proposti nei nostri "link".

La ripresa e pubblicazione di informazioni che appaiono su questo sito è possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch