Valle di Blenio: Cronaca della valle
Pizzo Rossetto (Cima della Töira)
Pizzo Rossetto (Cima della Töira)
In questo piccolo "giornalino on-line" della Valle di Blenio sono riportate le principali notizie relative all'intera Valle e/o informazioni d'importanza regionale.
Le notizie vengono regolarmente aggiornate e quelle più importanti o di maggiore interesse vengono inserite nell'Archivio.
Attualmente la nostra cronaca contiene complessivamente 1433 articoli.
Se avete delle informazioni interessanti o delle segnalazioni da comunicarci, potete farlo scrivendo all'indirizzo: cronaca@vallediblenio.ch. Le vostre proposte verranno attentamente valutate.
La ripresa e pubblicazione di articoli che appaiono in questa Sezione
è possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch.


DONGIO, GIOVANI IN SCENA PER UN VIDEO CLIP 25 / 06 / 2016


Ciak si gira’: chissà quante volte l’hanno sentita quest’espressione i trenta ragazzi e ragazze di prima e seconda media di Acquarossa e Biasca, mentre stavano girando e preparando un videoclip di 4-5 minuti con un tema speciale. E per un progetto speciale.
A ideare e “orchestrare” questo progetto, iniziato nell’ottobre del 2015, è l’animatore socioculturale del “C’entro” giovani della Valle di Blenio Christian Polti, che ha potuto contare – per questa sua prima iniziativa del genere – sull’appoggio finanziario dei tre Comuni della Valle (Serravalle, Acquarossa e Blenio), del Cantone (Dipartimento sanità e socialità, con il suo Ufficio del sostegno a enti e attività per le famiglie e i giovani), così come su un contributo dell’associazione Giovanimazione.
Di cosa si tratta esattamente? Ce lo hanno spiegato proprio loro, i ragazzi protagonisti del videoclip, incontrati un pomeriggio di inizio giugno al centro giovanile di Dongio.
«La trama narra di un ragazzo messo da parte dai suoi coetanei e dagli adulti, che stanno girando un film – ci illustra Giada, 12 anni -. Egli, però, non demorde e fa di tutto per attirare l’attenzione dei compagni. Lo fa ad esempio combinando disastri: inizialmente sembra non riuscirci, ma alla fine ce la fa».
Le riprese si svolgono alla ex Polivideo di Riazzino, in un ambiente professionale che motiva molto i giovani attori, tra i quali ci sono anche diverse ballerine dell’Associazione Danza Blenio.
«Sul palco mi sento bene e mentre recito sono felice – afferma Eleonora –. Anche se le prime volte ero un po’ in panico... Però tutti sono gentili con noi: da Chris (Christian Polti, ndr) ai tecnici che ci spiegano come e cosa fare».
«Il tema tratta anche il rapporto tra gli adulti e i ragazzi – aggiunge Lorenzol’importanza di lasciarci liberi di fare esperienze, di non imporci troppo ma, invece, di collaborare».

IL VIDEO SARA' PRESENTATO NEL 2017

Mentre i giovani “aspiranti attori” raccontano, sul grande schermo del C’entro vengono proiettate le primissime scene del videoclip, in cui si vedono le ballerine impegnate in una danza.
Su un elemento tutti – Riccardo (attore principale), Giada, Lorenzo, Eleonora, Marinella, Sara, Tamara e Katrin e i loro compagni – sono concordi: questa esperienza «è una bella opportunità per imparare molte cose. Anche conoscere meglio sé stessi e gli altri. Il tutto trasmettendo un bel messaggio a chi guarderà il video», che sarà presentato ufficialmente nel 2017 a livello cantonale con una prima al Cinema Teatro Blenio.
All’iniziativa collaborano in vari modi anche Epoks Studio’s e l’Associazione Danza Blenio, oltre alla Scuola media di Acquarossa.

Fonte: "laRegioneTicino", 25.06.2016, Mara Zanetti Maestrani, p.18



VALLE DI BLENIO, PIU' DI 600 FIRME PER MIGLIORARE ORARIO FFS 17 / 06 / 2016


Il progetto d’orario 2017 delle FFS, in consultazione fino a domenica 19 giugno, non soddisfa la Valle di Blenio che si è mobilitata per chiedere:

- un collegamento rapido, sicuro e frequente tra la Valle di Blenio e il Nord delle Alpi;
- migliori coincidenze di Autolinee Bleniesi e TILO in funzione dei treni AlpTransit a Bellinzona;
- una coincidenza per il primo treno AlpTransit del mattino;
- una maggiore frequenza dei bus in Valle di Blenio nell’orario serale (una corsa supplementare tre le ore 21-22).

Queste richieste sono state inviate oggi alla Sezione della mobilità cantonale tramite una presa di posizione firmata in pochi giorni da 641 persone: 52 studenti bleniesi oltre Gottardo, 207 abitanti di Blenio, 133 abitanti di Acquarossa e 192 abitanti di Serravalle, così come da 57 villeggianti e turisti.
Oltre agli studenti, agli abitanti e ai villeggianti e turisti della Valle di Blenio, anche i Municipi di Blenio, Acquarossa e Serravalle hanno preso posizione.

Fonte: Comunicato stampa via mail, 16 giugno 2016, Gina La Mantia e Eva Bianchi



PARC ADULA, ASSOCIAZIONE RIUNITA IN ASSEMBLEA A MESOCCO 16 / 06 / 2016



Ieri, mercoledì 15 giugno, nella suggestiva cornice del Castello di Mesocco, si è tenuto il consueto incontro annuale dell’assemblea dell’Associazione Parc Adula.
Dopo che il bilancio e il conto economico 2015 con rapporto di revisione sono stati approvati, i membri del Team hanno avuto modo di presentare i contenuti dei progetti in corso.
A seguire il presidente e il direttore hanno illustrato e chiarito le recenti discussioni intercorse con gli Uffici federali, rassicurando i presenti sul clima costruttivo e collaborativo che vige tra l’Associazione Parc Adula, i Cantoni e la Confederazione, atto a trovare le migliori soluzioni in vista del fondamentale voto popolare previsto per novembre 2016.

E’ stato poi presentato il ricco programma di attività che il progetto Parc Adula promuove sul territorio. Si va dalle recenti partecipazioni alle fiere Agrischa (Ilanz) e Muma (Andeer) alla sponsorizzazione di eventi di grande richiamo quali Sun Valley Festival (Malvaglia), Openair Rheinwald (Nufenen) e Greenhope Day (San Bernardino), fino ad arrivare a manifestazioni di stampo culturale come la serie Cultura El Liug (Surselva) e la Giornata dei Mulini (Braggio), o di natura sportiva, come la Gara Podistica (Rossa), il Torneo di Beach Volley (Blenio) e la Gara di Mountain Bike (Ghirone).
A seguire i presenti hanno potuto gustare il ricco aperitivo a base di prodotti tipici del Moesano, preparato dalla Macelleria Alpina di Fabiano Berni di Mesocco.

Fonte: Comunicato stampa via mail, 16.06.2016, ore 9.12



GHIRONE, LA FRANA DELLA VAL SELVA COSTRINGE ALLA CHIUSURA DELLA STRADA 14 / 06 / 2016



In un lungo comunicato stampa, il Municipio di Blenio informa sullo stato della frana di Ghirone che da alcuni mesi ormai fa parlare di sé. "A seguito degli eventi causati dalla frana in Val Selva a Ghirone e a complemento delle informazioni verbali ed a mezzo stampa comunicate nelle scorse settimane - si legge - il Municipio di Blenio informa la popolazione e gli utenti sulle disposizioni decise dal Municipio con risoluzione municipale del 6 giugno scorso e conformemente ai disposti dell’art. 107 della Legge organica comunale (LOC) e delle altre normative applicabili.

Dopo aver ripercorso l'istoriato della frana, il cui evento principale risale allo scorso 21 marzo, il Municipio elenca le disposizioni da ora in vigore:

1) Fino a nuovo avviso, a causa del continuo pericolo di caduta sassi e colate detritiche, la strada privata di proprietà OFIBLE è chiusa al traffico veicolare e pedonale a partire da Ghirone-Baselga fino al monte Scalvedo. La stessa Ofible, per accedere all’importante cantiere in corso nella diga del Luzzone e per facilitare l’accesso ai gestori di attività alpestri e turistiche, ha definito dei passaggi limitati di automezzi, controllati con sentinelle.

2) L’accesso pedonale alla zona del Luzzone da Ghirone, è autorizzato unicamente tramite il sentiero ufficiale con partenza nella parte bassa di Aquilesco.

3) L’accesso con piccoli veicoli cingolati o motociclette è autorizzato attraverso la mulattiera esistente e la nuova pista provvisoria, seguendo la segnaletica sul posto. L’accesso è autorizzato unicamente ai proprietari di edifici abitativi e gestori di attività in zona Luzzone e Valli superiori. Agli aventi diritto sarà rilasciata su richiesta e tramite l’ufficio tecnico comunale, la relativa autorizzazione di transito.

4) Il passaggio anche pedonale e lo sfalcio dei terreni agricoli nel cono di deiezione della frana al di sopra dei valli di protezione, è vietato per motivi di sicurezza.

5) La planimetria descrittiva ed allegata alla presente è parte integrante delle disposizioni.

6) Il Municipio e le OFIBLE effettueranno dei controlli regolari sul posto. Il mancato rispetto delle presenti disposizioni sarà perseguito tramite una procedura contravvenzionale.

Il Municipio ed in particolar modo l’ufficio tecnico comunale, restano a disposizione per ulteriori informazioni in merito, confidando nella comprensione e nel rispetto delle disposizioni atte a garantire la sicurezza di persone e cose.

Fonte: Comunicato stampa della Cancelleria del Comune di Blenio, 14.06.2016, ore 8.29

Foto: la frana vista dalla Töira



CAMPRA, CANTIERE RINVIATO ALLA PROSSIMA PRIMAVERA 13 / 06 / 2016



Con la recente approvazione degli aggiornamenti progettuali - da parte del Consiglio di Stato - si può ora dare avvio alla completazione delle procedure (edilizie, sussidiamento, finanziamento, ecc.).

Procedure che hanno implicato un maggiore impegno di quello inizialmente pianificato.
Giocoforza ne è conseguito un procrastinamento dell'apertura del cantiere principale di circa un semestre.

Mentre l'avvio dei lavori preliminari è prevista ancora nell'autunno 2016, così da poter assicurare un pronto e incisivo inizio di quelli principali immediatamente dopo la chiusura della stagione invernale 2016/2017.
Stagione permettendo, sarà quindi nell'aprile 2017 che si potrà dare inizio al vero grande cantiere.
Contingenze di natura tecnica e operativa del Centro, d'altra parte, hanno condotto a rinunciare a un inizio anticipato dei lavori principali. In particolare, un inizio a primavera inoltrata della demolizione delle strutture toccate dalla prima fase di progetto, avrebbe comportato conseguenze tecniche di difficile soluzione, trasferendo poi in pieno inverno interventi impossibili da eseguire in quella zona durante quel periodo dell'anno.
Un'operazione di questo tipo avrebbe compromesso l’esercizio del Centro per oltre due inverni; fatto che non può essere tenuto in considerazione, viste le necessità turistiche, di calendario così come gli impegni della stazione nei confronti dei suoi partner nell’ambito delle manifestazioni agonistiche internazionali.
Senza contare le perdite economiche che ne sarebbero derivate.

Inoltre, l’entrante stagione estiva, oramai programmata facendo appoggio sulle strutture rimanenti durante la prima fase dei lavori, avrebbe subito significativi scompensi a causa del sovrapporsi di incompatibili esigenze turistiche e di cantiere.
Al termine la stagione estiva si inizierà quindi con i lavori preparatori che permetteranno di facilitare poi il rapido inizio del cantiere del 2017.
Va ricordato che la particolare ubicazione geografica di Campra (il Centro si trova a 1500 m.s.m.), con una stagione invernale di durata media di 130 giorni, non permette infatti di tenere aperto il cantiere sull'intero arco dell'anno.
Nel frattempo sarà dato concreto avvio alla raccolta fondi, sulla quale prossimamente non mancheremo di informare.

Fonte: Comunicato stampa via mail della Centro Sci Nordico Campra SA, 13.06.2016, ore 17.27



LUCOMAGNO, GROSSI INVESTIMENTI PER LA SICUREZZA SUL LATO GRIGIONESE 09 / 06 / 2016


Una stretta di mano tra Mario Cavigelli, Consigliere di Stato grigionese e Claudio Zali, capo del Dipartimento cantonale del Territorio, ha sancito ieri in serata al Centro Pro Natura di Acquacalda, il fermo impegno congiunto a continuare l’apertura invernale del Passo del Lucomagno.

L’incontro ai vertici è stato voluto proprio per sondare e precisare gli intenti dei due Cantoni confinanti, dato che il Consiglio di Stato grigionese è intenzionato a investire nei prossimi 10 anni ben 65 milioni di franchi in opere di miglioria, ristrutturazioni e nuove costruzioni lungo la tratta Disentis-Passo.
E’ proprio sul versante grigionese, infatti, che avviene in media il maggior numero di eventi valangari (sono ben 90 i canaloni inventariati, a rischio di valanghe).
Tra gli interventi figura il risanamento di sei gallerie tra Fuorns e il Passo, tra cui il prolungamento verso nord della galleria dello Scopi, realizzata nel 1968 e la più lunga dell’intero valico.
Sono previsti anche rifacimenti della carreggiata.

SUL VERSANTE TICINESE, INTERVENTI AL BOSCO DI PROTEZIONE

E sul lato ticinese? In sostanza, come ha spiegato l’ingegnere Fabrizio Conceprio, responsabile della Commissione tecnica della Pro Lucomagno, i punti critici per lo stacco di valanghe sul lato bleniese sono minori: due quelli monitorati da tempo, ossia subito a nord di Campra e poco prima di Acquacalda.
E va detto che, dall’avvio dell’apertura invernale nel 2000, non si sono mai avuti incidenti. “Due sono le misure previste sul nostro versante – ha spiegato Claudio Zalida una parte continuare le prove di stacco artificiale mirato delle valanghe e dall’altra migliorare il bosco di protezione”.
In questo senso la Sezione forestale cantonale ha avviato uno studio da Campra ad Acquacalda.
Sul versante ticinese, ha fatto notare Zali, le leggi in vigore sono più ristrittive a causa dei numerosi inventari di protezione della natura e del paesaggio, “quindi non sono previste nuove opere o gallerie”.

Dal canto suo, Matteo Baggi, vicepresidente della Pro Lucomagno, ha sottolineato come il progetto di apertura prolungata del Lucomagno è un mezzo di collegamento fortemente voluto dalle due comunità a nord e a sud, che si trovano a vivere realtà socio-economiche assai simili. “Con progetti in corso come il rinnovo del Centro Nordico di Campra e il Parc Adula – ha detto - è impensabile pensare a chiusure del passo”.
Lo scorso inverno, complice anche la stagione inizialmente avara di neve, il Passo è stato chiuso per soli 10 giorni, e 17 giorni aperto dalle 8 alle 18. Per i restanti 154 giorni è sempre stato valicabile. Tra il 2000 e il 2016 si è registrata mediamente una valanga in strada ogni due giorni di chiusura.

Fonte: laRegioneTIcino, 10.06.2016. m.z, p. 20 m.z




©1999-2016; La Valle di Blenio in rete    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
sito creato da: Cresedo Tec
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sul contenuto dei siti proposti nei nostri "link".

La ripresa e pubblicazione di informazioni che appaiono su questo sito è possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch