Banche Raiffeisen della Valle di Blenio
Valle di Blenio: Cronaca della valle
foto cortesia: Roberto Cort, rcorti@tinet.ch
Lucomagno, foto cortesia: Roberto Corti, rcorti@tinet.ch
In questo piccolo "giornalino on-line" della Valle di Blenio sono riportate le principali notizie relative all'intera Valle e/o informazioni d'importanza regionale.
Le notizie vengono regolarmente aggiornate e quelle più importanti o di maggiore interesse vengono inserite nell'Archivio.
Attualmente la nostra cronaca contiene complessivamente 1282 articoli.
Se avete delle informazioni interessanti o delle segnalazioni da comunicarci, potete farlo scrivendo all'indirizzo: cronaca@vallediblenio.ch. Le vostre proposte verranno attentamente valutate.
La ripresa e pubblicazione di articoli che appaiono in questa Sezione
è possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch.


CAMPRA, NON PRIMA DEL 2016 IL VIA AI LAVORI PER IL NUOVO CENTRO 20 / 12 / 2014



Festeggia gli 80 anni lo Sci Club Simano, e li ha ricordati anche mercoledì 17 dicembre scorso in occasione dell’assemblea sociale svoltasi a Dangio-Aquila (alla buvette del FC Aquila), assemblea durante la quale si è pure fatto il punto al progetto del nuovo Centro nordico di Campra.

Attualmente sono in corso le trattative con due istituti bancari al fine di ottenere i necessari finanziamenti per poter partire.
Come noto, il progetto prevede un investimento di 15 milioni di franchi, di cui 7,5 versati a fondo perso dal Cantone; 1,9 milioni già votati dal Comune di Blenio (fondo di aggregazione) e circa 650 mila da Sport Toto.
Nei primi mesi del 2015 andranno preparati e firmati i contratti con gli architetti del progetto vincitore (team Durisch & Nolli e Fürst Laffranchi Bauingenieure).
Bisognerà poi allestire il “Piano di quartiere” per il comparto di Campra, che andrà sottoposto al Consiglio comunale di Blenio e in seguito si potrà inoltrare la domanda di costruzione.
Il primo colpo di piccone, quindi, è molto probabile che potrà essere dato solo nel corso del 2016, a stagione invernale conclusa.

10'000 PERNOTTAMENTI GENERATI DAL CENTRO NORDICO

Intanto oggi le piste di Campra sono chiuse per mancanza di neve e le alte temperature non hanno permesso di preparare la neve artificiale. Si spera di poter iniziare presto, almeno per organizzare le importanti gare di Coppa svizzera del 28 e 29 dicembre, con oltre 300 atleti partecipanti.
Il direttore Nicola Vanzetti ha fornito i dati della passata stagione, durata 110 giorni in totale (si era iniziato a sciare l’8 dicembre e terminato il 6 aprile) e ricordando come, comprendendo anche le colonie e i campeggi estivi, il Centro nordico porta circa 10'000 pernottamenti annui, di cui la metà in alberghi e alloggi della Valle.
Nonostante le condizioni meteorologiche non favorevoli (sia in inverno che in estate) la stagione 2013/2014 può essere definita buona.
Lo SC Simano partecipa pure al Gruppo Nordic nell’ambito dello sviluppo del Progetto Gottardo 2020.

RICORDATI I FONDATORI E PRIMI PRESIDENTI

Al termine della seduta, il presidente Marino Vanzetti ha evocato gli ideatori di Campra tornando al lontano 1934 quando i primissimi appassionati di fondo di Torre, Dangio e Aquila diedero il via al sodalizio dandogli il nome della montagna sovrastante i villaggi. Le basi dell'attuale Centro nordico furono costruite, con un primo rifugio, negli anni 1973-74.
Dal 1973 al 1978, soci e simpatizzanti prestarono il loro lavoro per circa 10'000 ore di volontariato.
Vanzetti ha ricordato la figura del primo presidente, Mario Ferrari, cui seguirono Francesco Protti, Valerio Paolucci, Angelo Martinoli, Marino Vanzetti, Luigi Pagani, Bruno Morosi, Alberto Demaldi e Nello Croce.

Fonte: "laRegioneTicino", 19.12.2014, m.z, p.11 e Red sito VdB

Foto: sperando che presto le piste siano coperte di neve! (Foto Blenio Turismo - OTR Bellinzonese e Alto Ticino)



PARC ADULA, CONSULTAZIONE E DIALOCO IN VISTA DELLA CHARTA 19 / 12 / 2014


La prima versione della Charta Parc Adula, ovvero il contratto tra l’Ente Parco e i 20 Comuni, sul quale la popolazione delle 5 Regioni coinvolte sarà chiamata a votare, sarà pronta nel corso della primavera 2015; seguirà la consultazione pubblica mentre la versione definitiva sarà disponibile alla fine del 2015.

Attraverso le pagine della rivista Parc Adula, ma anche tramite le newsletter, il sito web, i social media, la stampa, gli incontri con la popolazione e le pubblicazioni dedicate, l’Associazione Parc Adula, nei prossimi mesi, accompagnerà la consultazione e fornirà a tutta una serie di domande, tra cui:
1. Cosa vuol dire un “Parco nazionale di nuova generazione”?; 2. Come è gestito il Parc Adula?; 3. Chi finanzia il Parc Adula?; 4. Cosa cambia per la popolazione dei 20 Comuni coinvolti?; 5. Cosa pensano, in merito al Parc Adula, persone di riferimento per la popolazione, siano esse favorevoli o contrarie?; 6. Dove trovo e a chi posso chiedere informazioni dettagliate?

Fonte: Comunicato stampa via mail da parte di Patrick Walser, Responsabile Comunicazione Progetto Parc Adula, Residenza al Mai, Roveredo, 19.12.2015, ore 11.27



BLENIO, IN PIAZZA D'ARMI VERRA' POSATO IL CARTELLONE ELETTRONICO INFORMATIVO 17 / 12 / 2014


Il Comune di Blenio avrà un suo cartello elettronico informativo multimediale che verrà posato ai margini della Piazza d'Armi a Olivone, accanto alla strada cantonale.
Lo ha deciso, dopo una breve discussione, il Consiglio comunale di Blenio riunitosi ieri sera a Olivone in seduta ordinaria (27 su 29 i presenti, diretti dalla presidente Nancy Rigozzi, PPD e indipendenti) approvando il relativo credito di 95 mila franchi con 17 voti favorevoli e 10 contrari.
E' la seconda volta che l'iniziativa di installare un cartellone elettronico informativo giunge sui banchi del Consiglio comunale. In prima battuta, nell'aprile scorso, un primo progetto presentato dal Municipio (a seguito dell'interpellanza presentata dalla Lista Civica che chiedeva di valutare l'installazione di un struttura simile), è stato infatti rinviato all'Esecutivo per ulteriori approfondimenti e riduzione dei costi.
Ora il Municipio propone un tabellone multimediale delle dimensioni di 2,8 x 4,8 m, a tecnologia LED e con una risoluzione che permetterà una visione uniforme anche a distanza ravvicinata. Lo scopo è quello di diffondere e divulgare immagini sulla valle e messaggi informativi su eventi e manifestazioni che si svolgono in Valle e/o specie nell'Alta Valle, permettendo anche a ditte del posto di inserire le loro pubblicità.
Benché abbia riconosciuto la valenza degli scopi dell'iniziativa, la Commissione della Gestione ha proposto la non accettazione del Messaggio municipale, essenzialmente per i costi giudicati troppo elevati. Favorevole invece la Commissione dell'Edilizia che ha ravvisato un elemento importante di informazione anche turistica.
Nella seguente discussione, una decina di consiglieri (tra cui la Sinistra e alcuni UDC), hanno criticato i costi elevati e sollevato perplessità sia sull'ubicazione (preferibile all'entrata del paese) sia sull'intenzione di proiettare anche dei film. Altri consiglieri (schieramenti PLR, Lista Civica e PPD), hanno invece sostenuto il progetto, asserendo tra l'altro anche che il cartellone potrebbe fungere da primo tassello e impulso per una definitiva quanto attesa rivalorizzazione e sistemazione della Piazza d'Armi.
In votazione finale, il credito è stato approvato con 17 voti favorevoli e 10 contrari.

CONTI PREVENTIVI 2015 IN NERO

Con 25 favorevoli e 2 astenuti il Consiglio comunale ha approvato in apertura di seduta i Conti preventivi 2015 che registrano una maggiore entrata di 37'900 franchi con 7,4 milioni di franchi alle uscite e 4,3 alle entrate. I consiglieri hanno deciso di lasciare invariato il moltiplicatore d'imposta al 90%.
Commentando i conti, il municipale Roberto Zanetti ha osservato che "il debito procapite è in linea con quanto pianificato". Malgrado la situazione finanziaria giudicata tranquilla e sotto controllo, l'Esecutivo è stato invitato a vigilare sulle spese e gli investimenti.

Nel corso della seduta, è stato approvato il credito di 175 mila franchi per l'introduzione dei nomi delle vie e strade (e numeri civici). Come ad Acquarossa, anche in Blenio i proprietari delle abitazioni saranno chiamati a partecipare alle spese: in Blenio con una tassa per numero civico di 50.-.
All'unanimità sono stati poi approvati altri due crediti: uno di 345 mila franchi per le canalizzazioni e la condotta dell'acqua potabile in zona Fontanella-Sallo e uno di 1'270'000 franchi per la sistemazione delle strade Gambanett-Rambott-Anzano-Toma.

Fonte: Red sito VdB e "laRegioneTicino, 18.12.2014, m.z, p.



ACQUAROSSA, DAL 2015 GESTIONE IMPRONTATA AL RIGORE FINANZIARIO 16 / 12 / 2014


A 10 anni dall’aggregazione comunale e dopo diversi esercizi finanziari positivi (nel 2013 la maggior entrata era ancora di 450 mila franchi), Acquarossa dal prossimo anno dovrà iniziare a “stringere i denti” e ad improntare il suo agire al rigore finanziario; complice anche il vistoso calo del contributo di livellamento.

Le cifre del preventivo 2015 indicano infatti già una leggera perdita (di 2'294 franchi; 7,6 milioni alle uscite; 4,7 alle entrate) mentre il Piano finanziario 2015-2018 presentato dal Municipio al Consiglio comunale riunitosi lunedì a Dongio in seduta ordinaria ha sollevato più di una preoccupazione. Nel 2018 si prevede un disavanzo d’esercizio di 700 mila franchi.
Diversi interventi, da parte di tutti i gruppi politici del Legislativo, hanno sottolineato l’urgenza e la necessità di valutare attentamente ogni investimento e di approntare delle misure che permettano di fare delle scelte di fondo. In particolare, è stata riconosciuta la necessità di interpellare anche gli altri due Comuni della Valle per quegli investimenti di valenza regionale (stazione Nara, progetto Terme e altri).
I conti preventivi sono stati comunque approvati all’unanimità, come pure il mantenimento del moltiplicatore d’imposta al 95%.

I consiglieri (22 i presenti su 25), diretti dal presidente Mauro Tognali (PS) hanno poi approvato altri messaggi di cui uno ha subìto immediatamente le conseguenze delle discussioni sulle finanze: il credito di 195 mila franchi per la realizzazione dello stradario (con le targhe dei nomi delle vie e dei numeri civici da apporre sulle case) e la successiva digitalizzazione dei piani è stato sì approvato, ma accettando la proposta della Commissione della gestione, ossia di richiedere un contributo di 40.- ai proprietari delle abitazioni.
Pure approvato il credito di 150 mila franchi quale contributo alla Biomassa SA per la progettazione della rete di teleriscaldamento di Acquarossa, centrale che – più potente di quella di Olivone - dovrebbe sorgere attorno al 2018 a sud del ristorante Rubino.

Approvata anche la richiesta del credito di 55 mila franchi per l'ampliamento del colombario a parete nel cimitero di Corzoneso e il nuovo Regolamento sui contributi alla produzione ed all'efficienza energetica, accettato però con l'emendamento proposto dal consigliere Gianni Guidicelli (PPD) e volto a finanziare in primis le residenze primarie e in via subordinata le residenze secondarie.

Fonte: "laRegioneTicino", 17.12.2014, m.z, p.15 e Red sito VdB



SERRAVALLE, MOLTIPLICATORE D'IMPOSTA INVARIATO AL 95% 16 / 12 / 2014


Si è riunito ieri sera in seduta ordinaria il Consiglio comunale di Serravalle presieduto da Massimo Bazzi (Sinistra) alla presenza di 22 consiglieri su 25. Tra le trattande all'ordine del giorno figuravano i Conti preventivi 2015.

Conti che sono stati approvati all’unanimità e che registrano per il prossimo anno una maggiore uscita di 227 mila franchi. Il moltiplicatore d’imposta rimarrà invariato al 95%.
Approvato anche un aggiornamento del contro preventivo 2014 con un ammortamento straordinario di 100 mila franchi e l’adeguamento del fabbisogno, mentre ha suscitato qualche discussione la convenzione tra, da una parte, i Patriziati di Ludiano e Corzoneso e, dall’altra, i Comuni di Serravalle ed Acquarossa per la costruzione di una strada forestale con piste agricole per interventi selvicolturali nei boschi di protezione di Ludiano e Corzoneso, documento poi approvato, con alcune modifiche, da 15 favorevoli e 8 astenuti.

Infine è stato concesso pure il credito di 55 mila franchi per la messa in sicurezza di un ponte nella frazione di Semione e l'implementazione di un sistema di monitoraggio sulla strada che porta in località Ghèisc allo scopo di aumentare il peso massimo ammesso dei veicoli da 16 a 30 tonnellate. Anche il Regolamento comunale dei cimiteri e della camera mortuaria è stato infine approvato.

Fonte: Red sito VdB, m.z, 16.12.2014



BLENIO, 3 RAPPRESENTANTI BLENIESI NELLA NUOVA OTR 12 / 12 / 2014


E' fatta: dal 1.1.2015, secondo la nuova Legge cantonale sul turismo, partiranno anche le quattro Organizzazioni turistiche regionali (OTR) tra cui quella del Bellinzonese e Alto Ticino, che raggruppa gli ex Enti turistici locali di Bellinzona, Biasca, Blenio e Leventina.
Nel pomeriggio di mercoledì 10 dicembre scorso, i quattro enti turistici aggregandi (Bellinzona, Riviera, Leventina e Blenio) hanno tenuto le rispettive ultime assemblee (quella di Blenio Turismo si è svolta ad Acquarossa).
Nel nuovo Consiglio d'amministrazione, formato da 13 membri, siederanno 3 rappresentanti della Valle di Blenio.

Alle 18, sempre di mercoledì scorso, al salone Olimpia di Biasca è poi avvenuto il passo storico nell'ambito del turismo locale, ossia l’assemblea costitutiva della nuova Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino, che ha visto la partecipazione di oltre 100 soci in rappresentanza dei 4 enti. Diverse le sollecitazioni e gli spunti venuti dalla sala durante il lungo e puntiglioso esame del nuovo statuto dell'OTR che è stato modificato e precisato in diversi articoli, e quindi approvato.
Si è poi proceduto all'elezione del primo Consiglio di amministrazione che assumerà il comando il prossimo gennaio, come previsto dalla nuova Legge.
L’OTR impiegherà gli attuali sportelli di Bellinzona, Biasca, Airolo e Olivone (con i quattro attuali direttori), nonché la sessantina di operatori (compreso il personale del Pool Sentieri) in forza ai quattro enti.

ECCO IL NUOVO CdA DELLA NUOVA ORGANIZZAZIONE TURISTICA

Nel CdA sono dunque stati eletti Flavia Marone (presidente di Bellinzona Turismo), Jean-Daniel Mudry (coordinatore del gruppo di lavoro strategico che ha pianificato l’aggregazione), Samantha Galli (per l’Et Riviera al posto dell’attuale presidente Leonardo Vananti), Gianni Totti (pure Et Riviera), Ursula Dandrea (presidente Blenio Turismo), Christian Bernasconi (membro Et Blenio), Mattia Manzocchi (presidente ET Leventina), Stefano Imelli (membro ET Leventina), Danilo Gobbi di Piotta per la categoria dei ristoratori, Barbara Wägeli di Cresciano per quella degli albergatori, Michele Biaggi di Preonzo per i commercianti, Denis Vanbianchi per gli impianti di risalita e trasporti (UTPT) e il sindaco di Bodio Marco Costi in rappresentanza dell’Ente regionale sviluppo Bellinzonese e Valli.
Prossimamente il CdA nominerà presidente e direttore.

Fonte: red sito VdB e "laRegioneTicino", 12.12.2014, p.21



CAMPO BLENIO, 50 ANNI DELLA STAZIONE DA SCI 30 / 11 / 2014



Cinquant’anni di attività: li ha festeggiati alla grande ieri sera, sabato 29 novembre, al Centro Polisport di Olivone la stazione turistica di Campo Blenio-Ghirone, il cui primissimo sci-lift fu costruito nel 1964.
Molti anni sono passati, non sempre privi di difficoltà e timori per il futuro della piccola stazione dell’Alta Blenio (tra le prime realizzate in Ticino), ma dopo 5 decenni la Cooperativa che gestisce gli impianti si presenta più forte che mai, entusiasta e determinata a continuare l’attività, conscia della sua importanza per il tessuto economico e sociale della regione e puntando anche alla stagione estiva con altre attività come i percorsi in mountain bike. Il tutto per cercare di far fronte ai problemi che toccano in generale gli impianti di risalita.

Alla commemorazione di ieri sera - diretta dall'appassionato socio Chico Poli e dal direttore della stazione Denis Vanbianchi e dedicata ai soci della Cooperativa - sono intervenuti nella parte ufficiale Gianni Martinelli, da 21 anni presidente della Cooperativa impianti turistici Campo Blenio-Ghirone (prima lo fu suo padre Giovanni, primo presidente), cui sono seguiti gli interventi del sindaco di Blenio Marino Truaisch, di René Togni (direttore per 32 anni) e Giampietro Bruni (presidente della Cooperativa dal 1972 al 1994) e del Consiglierie di Stato Paolo Beltraminelli, tra l'altro da anni frequentatore della stazione del Soprasosto. Assente per malattia, invece, il Consigliere di Stato Claudio Zali. Nel suo intervento, Gianni Martinelli ha ringraziato tutti i membri del Consiglio d'Amministrazione come pure tutti i collaboratori susseguiti durante 50 anni.

Nel corso della sera, durante la quale altri vari ospiti che hanno fatto la storia della stazione hanno preso la parola sul palco, sono stati proiettati vecchi filmati in bianco/nero della RSI risalenti ai primi anni di attività della stazione sciistica.
E' stato poi presentato il bel volume commemorativo (120 pagine), riccamente illustrato con foto in bianco/nero e a colori, e realizzato dall'appassionato Silvano Scopetti e da Renzo Bozzini grazie alla collaborazione di alcuni soci fondatori (René Togni ha fornito gran parte delle foto storiche) e altri soci molto attivi e vicini da anni alla società e alla stazione di Campo Blenio.
La serata è stata rallegrata dall'infaticabile e allegro gruppo musicale Folk & Grott che ha suonato e cantato con esemplare energia fino agli sgoccioli della festa.

UNA STAZIONE NATA DALLA PASSIONE E MANTENUTA DALLA TENACIA DEI LOCALI

Sin dalla sua nascita, la stazione di Campo Blenio-Ghirone si è rivelata essere particolarmente adatta alle famiglie e a chi desidera imparare a sciare. Dopo il primo sci-lift del 1964, ne fu realizzato un secondo subito l’anno dopo, mentre nel 1968 si concretizzò l’impianto a Ghirone. Una pista, questa, che venne molto utilizzata per lo svolgimento di gare e che fu poi chiusa definitivamente nel 1999/2000. Dopo periodi di fortuna alterni (la Cooperativa visse dei risanamenti finanziari nel 1994/95 e l’ultimo tra il 2008 e il 2010), ora la stazione dispone di nuove infrastrutture e funziona bene. Con gli anni, si è portato anche l’impianto di innevamento programmato (era il primo in Ticino, realizzato nel 1995/96), l’illuminazione di una pista per le sciate in notturna, il bar Cupola, e si è realizzata una pista per gli appassionati dello sci di fondo nonché un tappeto mobile che porta dal posteggio alle casse e al ristorante servisol. Molto apprezzato è anche il parco giochi per i più piccoli.
Gli impianti entreranno in esercizio in dicembre alla prima consistente nevicata. Il volume sui 50 anni di vita della stazione si può comandare presso la stazione stessa, a Campo Blenio.

Fonte: Red sito VdB e "laRegioneTicino", 29.11.2014, m.z, p.11

Foto: 1964, le prime sciate sui pendii di Campo Blenio (foto René Togni)




©1999-2014; La Valle di Blenio in rete    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
sito creato da: Cresedo Tec
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sul contenuto dei siti proposti nei nostri "link".

La ripresa e pubblicazione di informazioni che appaiono su questo sito è possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch