Valle di Blenio: Talchronik
Pizzo Rossetto (Cima della Töira)
Pizzo Rossetto (Cima della Töira)
In dieser kleinen "On-line" Zeitung des Bleniotals werden Ereignisse berichtet, die von grossem Interesse für das Tal und/oder die Region sind.
Die Nachrichten werden regelmässig auf den neuesten Stand gebracht und die wichtigsten werden im Archiv.
abgelegt.
Insgesamt umfasst unsere Talchronik 1453 Beiträge.
Falls Sie interessante Informationen haben oder uns etwas mitteilen möchten, können Sie an folgende Adresse: cronaca@vallediblenio.ch schreiben. Ihre Beiträge werden wir mit grösster Aufmerksamkeit begutachten.
Artikel, dieser Sektion dürfen nur mit Angabe der Quelle: www.vallediblenio.ch verwendet werden.


PARC ADULA, I CONTRARI INCONTRANO GLI AMICI DELLA SURSELVA 28 / 09 / 2016



Mentre l'ASCOBLE forza la mano con un subdolo comunicato stampa votato a maggioranza durante l’Assemblea del 26 settembre nemmeno all’ordine del giorno…
Il 27 novembre, quando la popolazione dei 17 Comuni coinvolti dovrà esprimersi sul discusso progetto Parc Adula, si avvicina. Il Movimento “No Parc Adula”, in collaborazione con gli amici della Surselva, negli scorsi giorni si è ritrovato all’Ospizio del Passo Lucomagno per fare il punto della situazione e, soprattutto, per informare la popolazione su svariati punti negativi contenuti nel dossier Parc Adula.
Non si registrano novità di rilievo, promotori e simpatizzanti continuano imperterriti nella subdola acquisizione di consensi nelle sedi amministrative cantonali, comunali e in svariati enti ed associazioni, senza entrare minimamente nel merito delle molteplici zone d’ombra che circondano questo progetto decisamente partorito e gestito con modalità e tempistiche quantomeno discutibili, sbandierando unicamente il tanto proclamato quanto astratto “marchio Parc Adula”, a loro dire panacea di tutti i mali del futuro socio-economico dell’intera Valle di Blenio, e promettendo corposi sussidi e finanziamenti a determinati progetti, naturalmente solo ed unicamente a condizione dell’accettazione del dossier sul parco nazionale.
L’ultima desolante dimostrazione (architettata e preparata a regola d’arte…) si è registrata al termine dell’assemblea ASCOBLE, tenutasi ad Acquarossa il 26 settembre.
Una volta evaso l’ordine del giorno, è stata insistentemente richiesta una ratifica di un comunicato stampa a sostegno del progetto Parc Adula da parte della maggioranza dell’assemblea! Inutile sottolineare che tale trattanda non era inserita nell’ordine del giorno, e alla lettura dello stesso nessuno ha annunciato alcuna modifica.
Forzature a tutti i costi! Parc Adula è nato così e speriamo che così verrà definitivamente affossato. I bleniesi hanno l’imperdibile occasione di dare un segnale forte di autodeterminazione, di libertà e difesa della storia, della cultura e dei valori dell’intera Valle!
Concetti che i promotori vogliono sottomettere a subdoli vincoli e restrizioni targati Pro Natura ed inevitabilmente richiesti dall’amministrazione federale. È giunto il momento di unire le forze con i colleghi della Surselva e lottare insieme per raggiungere l’unico determinante obiettivo: IL NO A PARC ADULA!

Fonte: Comunicato stampa via mail del Movimento “No Parc Adula”, presidente Stefano Fraschina, 28.09.2016, ore 18.53



PARC ADULA, PROGETTO SOSTENUTO DAI TRE MUNICIPI DELLA VALLE 27 / 09 / 2016



Nelle scorse settimane i tre Municipi dei Comuni della Valle di Blenio hanno incontrato i vertici dell’Associazione Parc Adula per fare un punto alla situazione del progetto a 2 mesi dall’importante appuntamento del voto previsto e confermato per il 27 novembre 2016.

Il presidente dell'Associazione Fabrizio Keller e la Direzione del progetto hanno illustrato il quadro della situazione dello stesso e hanno aggiornato i Municipi sui cambiamenti intervenuti nelle scorse settimane e le modifiche proposte, frutto in particolar modo delle osservazioni pervenute durante il periodo di consultazione della Charta.
Preso atto dei contenuti del progetto e delle rassicurazioni ricevute, i tre Municipi della Valle di Blenio sostengono il progetto del Parc Adula, consci dell'importante opportunità di sviluppo offerto dallo stesso per la Valle e per le altre Regioni coinvolte.
Nel corso del mese di ottobre sarà di nuovo organizzata una serata informativa nelle Regioni coinvolte e sarà distribuito il materiale di voto e tutta la documentazione necessaria.

Fonte: Comunicato stampa via mail, Cancelleria di Olivone, comune di Blenio, 27 settembre 2016, ore 10.32



ACQUAROSSA, FESTEGGIATI I 75 ANNI DEL CORPO POMPIERI 26 / 09 / 2016



L’importante traguardo dei 75 anni di attività è stato festeggiato sabato 24 settembre scorso alla sede dei Pompieri di Acquarossa a Dongio con un’esposizione di mezzi e materiale tecnico.
Nella parte ufficiale hanno preso la parola il comandante Iten Nicola Bianchi, il sindaco di Acquarossa Odis Barbara De Leoni, il ten col Corrado Grassi presidente della "Federazione cantonale ticinese dei Corpi Pompieri" nonché comandante del Centro di soccorso cantonale di Biasca a cui il CP Acquarossa fa riferimento.
In seguito è stata inaugurata la nuova bandiera del Corpo con la benedizione da parte del Vicario delle Tre Valli don Onorio Fornoni. La manifestazione ha riscontrato un ottimo successo e ha permesso alla popolazione di entrare in contatto con la realtà pompieristica locale. La serata è continuata in festa con, dapprima, un aperitivo e poi una cena offerti a tutta la popolazione e agli invitati.

LE IMPORTANTI TAPPE LUNGO I 75 ANNI DI ATTIVITA'

Nato nel 1941 come Corpo Pompieri di Dongio con un effettivo di 12 militi, negli anni successivi si sviluppa rapidamente e assume maggiori competenze fino a estendere il settore d’intervento agli allora Comuni limitrofi.
Un importante svolta è avvenuta nel 1953 con l’arrivo del primo veicolo motorizzato, un Jeep Willys che tuttora custodiamo con cura.
La fornitura di nuovo materiale e veicoli continua costantemente e nel 1987 il Corpo ha ricevuto la sua prima autobotte modello Renault. Il 50° anniversario si è festeggiato nel 1991 e nel 1995 è stato edificato il nuovo e attuale deposito.
Nel 1998 il Corpo viene dotato degli apparecchi per la protezione della respirazione e in seguito verrà fornito anche altro materiale per l’”interventistica” e il rinnovo dell’equipaggiamento personale.

Con la fusione dei Comuni della Media Blenio e la nascita del Comune di Acquarossa nel 2005, anche il Corpo Pompieri ha cambiato nome diventando Corpo Pompieri Acquarossa.
A cavallo fra il 2013/2014 è avvenuta la sostituzione del pacchetto di primo intervento. Il Corpo viene dotato dell’autobotte Mercedes Unimog U20 e del veicolo di primo soccorso Mercedes Sprinter.
Nel 2015, con il sostegno del Comune, i Pompieri si dotano pure di un modulo di spegnimento elitrasportabile, modello Foppa.
Con grande dedizione e impegno, allora come adesso, i militi dell’intero Corpo di Acquarossa restano a disposizione e si prestano per la sicurezza della popolazione della Media Blenio.

Fonte: Corpo Pompieri Acquarossa, Iten Bianchi Nicola, Comandante

Foto: un momento della parte ufficiale dei festeggiamenti



PARC ADULA, FORMATO IL MOVIMENTO NO AL PARCO 14 / 09 / 2016



Il 27 novembre prossimo, in occasione delle ultime votazioni federali dell’anno, i 17 Comuni che dovrebbero far parte del Parc Adula saranno chiamati ad un voto che dovrebbe sancire l’accettazione o meno della Charta (il contratto che indissolubilmente legherà queste regioni).
Il Movimento NO Parc Adula ritiene indispensabile creare un fronte contrario a questa operazione che metterebbe in modo grave i nostri Comuni e i propri cittadini in stato di ulteriore sudditanza.
Un gruppo di persone, elencato qua sotto, ritiene giustificato e indispensabile dare alle cittadine e ai cittadini votanti - oltre che alla persone che pur non potendo esprimere il loro voto, hanno interessi diretti - delle indicazioni che portano a dire "No" a questa operazione.

Questi inominativi del gruppo, ai quali chiunque può aggiungersi:
Stefano Fraschina, Marcello Monighetti, Gianfranco Tettamanti, Roberto Ratti,Leandro Gatti, Walter Tognini, Sebastiano Benzonelli, Aly Sciaroni, Carla Bini, Willy Grata, Giamplacido Giamboni, Bartolomeo Martinali, Giampietro Bruni, Franco Vanzetti, Elio Devittori, Giuseppe Peduzzi, Daniele De Giorgi, François Valchera, Giovanni Boggini, Pablo Meissen, Leo Tuor e Rico Calcagnini.

Chi è interessato può comunicare tramite la pagina Facebook o semplicemente telefonando al no. 078 613 04 16.
Il nostro Movimento si fa impegno, da subito, a trasmettere le proprie opinioni tramite articoli, organizzazione di incontri, ecc.

Fonte: Comunicato stampa via mail del Movimento No Parc Adula, Giampietro Bruni, 14.09.2016



ACQUAROSSA, ANTONIO CONCEPRIO NUOVO DIRETTORE DELLA CASA ANZIANI 02 / 09 / 2016


Passaggio di testimone alla "Fondazione La Quercia" di Acquarossa che gestisce l’omonima casa per anziani.
Negli scorsi mesi il Consiglio di Fondazione ha affrontato il tema relativo alla designazione del nuovo direttore che dall’anno prossimo sarà chiamato a condurre le strutture.

L’analisi della situazione ha suggerito una scelta improntata alla continuità ed è caduta su Antonio Conceprio.
Già responsabile della contabilità e direttore aggiunto della Quercia, nel corso degli anni ha sviluppato una spiccata sensibilità sociale accompagnata da un forte radicamento nel tessuto bleniese.
Il Consiglio di Fondazione ha aperto il concorso per la nomina del nuovo contabile, figura attraverso la quale si prefigge di acquisire nuove competenze a livello di analisi e definizione dei processi gestionali.
La preoccupazione prima rimane quella di offrire alla comunità bleniese una sempre più solida struttura di riferimento attorno alla quale sviluppare e consolidare un Popolo sociosanitario aperto, al servizio dei bisogni della valle.

Antonio Conceprio subentrerà a Eros Bagutti che lascerà l’attività a fine marzo 2017 per meritato pensionamento, dopo 29 anni alla direzione della Casa per anziani.

Fonte: laRegioneTicino, 2.09.2016, p.9




©1999-2016; Das Bleniotal im Internet    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
Web Konzept: Cresedo Tec
Wir übernehmen keine Verantwortung für den Inhalt der Websites, die unsere "Links" vorschlagen.

Die Veröffentlichung von Informazionen, die auf diesem Site erscheinen ist nur mit Angabe der Quelle: www.vallediblenio.ch möglich.