Valle di Blenio: Talchronik
Pizzo Rossetto (Cima della Töira)
Pizzo Rossetto (Cima della Töira)
In dieser kleinen "On-line" Zeitung des Bleniotals werden Ereignisse berichtet, die von grossem Interesse für das Tal und/oder die Region sind.
Die Nachrichten werden regelmässig auf den neuesten Stand gebracht und die wichtigsten werden im Archiv.
abgelegt.
Insgesamt umfasst unsere Talchronik 1531 Beiträge.
Falls Sie interessante Informationen haben oder uns etwas mitteilen möchten, können Sie an folgende Adresse: cronaca@vallediblenio.ch schreiben. Ihre Beiträge werden wir mit grösster Aufmerksamkeit begutachten.
Artikel, dieser Sektion dürfen nur mit Angabe der Quelle: www.vallediblenio.ch verwendet werden.


PASSO LUCOMAGNO, SOLO 10 I GIORNI DI CHIUSURA DURANTE LO SCORSO INVERNO 02 / 10 / 2017


È positivo il bilancio dell’apertura invernale del Passo del Lucomagno. Lo si evince dal rapporto annuale dell’Associazione Pro Lucomagno che oggi, martedì 3 ottobre, si riunirà per l’assemblea generale 2017, alle 19.00, all’Ospizio S. Maria sul Passo alla presenza del Consigliere di Stato grigionese Mario Cavigelli che avrà modo di esporre i progetti e i lavori già in corso lungo il versante nord del Passo.

Dal rapporto della Commissione tecnica si apprende che nel corso del passato inverno non sono caduti importanti quantitativi di neve su entrambi i portali Nord e Sud. I giorni di chiusura della strada durante i mesi freddi sono stati una decina, l’inverno 2016/17 è dunque considerato ‘proficuo’ dalla Pro Lucomagno.
Malgrado lo scarso innevamento si annota che è stato comunque richiesto un considerevole impegno, in particolare sul versante Nord, per la formazione di ghiaccio sulla strada.
I costi complessivi, a carico dell’Associazione, ammontano a oltre 600mila franchi, per un impegno inferiore alla media con “conseguente effetto positivo sui conti annuali”.

SUL VERSANTE BLENIESE, RIPARI VALANGARI E RIMBOSCHIMENTO

Positivo pure il fatto che non si son verificati incidenti. Il presidente Martin Cardinas conclude che non ci sono dubbi sull’importanza dell’apertura invernale, come riportato nel rapporto annuale scorso e come emerso da un incontro con i consiglieri di Stato Mario Cavigelli (Grigioni) e il collega ticinese Claudio Zali, in cui avevano illustrato le misure promosse nel tentativo di migliorare la situazione, provvedimenti già peraltro visibili sul versante Nord dove si sta risanando la galleria; mentre a Sud si sta lavorando in funzione della costruzione di ripari valangari e per l’avvio di opere di rimboschimento.

Fonte: laRegioneTicino, 30 settembre 2017, p.11



ACQUAROSSA, SI DELLA POPOLAZIONE ALLA NUOVA CASA COMUNALE COSÌ COME DEFINITA 25 / 09 / 2017



Nessun terremoto all’orizzonte di Acquarossa. La nuova Casa comunale sorgerà come previsto nella frazione di Comprovasco del Comune della media Valle di Blenio.
Con 404 sì a fronte di 311 no è stata infatti avallata la concessione del credito di 3,5 milioni di franchi per la realizzazione e la sistemazione esterna del sedime delle ex scuole comunali.

«Finalmente – commenta il sindaco di Acquarossa Odis Barbara de Leonidopo tanti anni potremmo dire fine a una lunga procedura e dare avvio alla costruzione».
Il sindaco si dice «molto contento». Lo stesso De Leoni ci concede una battuta riferita al fronte dei no, comunque ampio, come si è palesato in quest’altra occasione con oltre il 40 per cento contrari alla nuova casa comunale a Comprovasco. Il referendum aveva raccolto 321 firme, 10 in più dei no andati questo fine settimana al referendum. «Sì, ci sono 311 persone che non la pensano come il Municipio, fa riflettere», chiosa il sindaco.
Una cosa, aggiunge in seguito, è però sicura: «La situazione attuale è veramente precaria, se solamente pensiamo ai problemi di spazio», con le relative difficoltà che pesano sui lavori dell’amministrazione. «Ci voleva questo risultato».

Il referendum era stato lanciato tre anni or sono. I contrari al progetto denominato ‘Melchiorre’, temevano l’arrivo in valle di una “cattedrale nel deserto”, in una posizione considerata poi non idonea. I votanti sono stati 726 su un totale di 1’521 iscritti a catalogo: la partecipazione al voto è stata del 48 per cento; tre schede nulle, otto bianche.

E ORA? BISOGNA AVVIARE IL CANTIERE

E adesso? Bisogna rimettersi in sella, pedalare e avviare il cantiere. Non lo dice ma lo pensa il sindaco. E sì che De Leoni, attivo per svariati anni in prima persona nell’edilizia privata, conosce bene la materia. L’inaugurazione della nuova casa comunale, indica successivamente, è prevista tra due anni. Entro la fine del corrente anno si vorrebbe uscire con gli appalti, mentre per l’inizio dei lavori di costruzione si pensa alla prossima primavera. Tra i contenuti del nuovo edificio, chiamato a portare una folata di freschezza al Comune della Media Blenio, anche una sala riunioni e una più capiente sala del Consiglio comunale che potrebbe ospitare comodamente, per altre occasioni, 80-90 persone. Inaugurazione nel 2019.

Fonte: "laRegioneTicino", 25.09.2017, Mattia Cavaliere, p.11



IL COMUNE DI BLENIO AIUTA BONDO 06 / 09 / 2017


Il Municipio di Blenio ha preso atto con grande dispiacere e apprensione degli eventi verificatisi recentemente con lo scoscendimento del Pizzo Cengalo in Valle Bregaglia e la conseguente devastazione di parte del territorio del villaggio di Bondo.
I cambiamenti climatici in corso dimostrano come le comunità montane siano sempre più confrontate da questi fenomeni. Le conseguenze dei cambiamenti climatici comportano delle importanti sfide da affrontare, che coinvolgono le istituzioni pubbliche a tutti i livelli.
Ne sono particolarmente toccate le comunità montane come le nostre.

In questa circostanza, il Comune di Blenio è vicino alla comunità della Valle Bregaglia per quanto accaduto e ha deciso di versare un contributo di donazione di 1'000 franchi, a sostegno delle spese causate dallo scoscendimento.

Fonte: Comunicato stampa via mail della Cancelleria comunale, 6 settembre 2017, ore 13.37



RECORD MONDIALE PER TIZIANO VESCOVI !!! 01 / 09 / 2017



Al penultimo giorno di prove il bleniese Tiziano Vescovi ce l’ha fatta!!! Con il suo team bleniese Kr-Race-Team il macellaio di Olivone è riuscito nella missione di battere il record del mondo di velocità sul deserto salato di Bonneville, negli USA.
Primati del genere, in queste zone dello Stato dello Utah, si inseguono da tempo quasi immemorabile. Vescovi, 33enne da poco diventato padre, è infatti riuscito a superare il primato fatto segnare finora – raggiungendo i 269 km/h, velocità sul sale che corrispondono a 400 km/h sull’asfalto, in sella a una moto preparata nel Comune di Blenio, nell'officina che il Team dispone a Dangio-Torre.

La competizione in questione si chiama ‘Bonneville Motorcycles Trials’. La moto sviluppata per battere record mondiale di categoria è stata presentata a metà febbraio nell’ambito della fiera SwissMoto di Zurigo. Il mezzo, come riferivamo, è stato realizzato dal direttore del team Ralph Ruckstuhl (dell’officina KR-Motorcycle situata alla Cima Norma di Dangio-Torre) assieme al meccanico Hysni Jupa (direttore tecnico). Il motore è un bicilindrico turbo con più di 220 cavalli.

Fonte: laRegioneTicino, 1.09.2017, CAVA

Nella foto: il direttore tecnico Jupa, Tiziano Vescovi e il caposquadra Ruckstuhl




©1999-2017; Das Bleniotal im Internet    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
Web Konzept: Cresedo Tec
Wir übernehmen keine Verantwortung für den Inhalt der Websites, die unsere "Links" vorschlagen.

Die Veröffentlichung von Informazionen, die auf diesem Site erscheinen ist nur mit Angabe der Quelle: www.vallediblenio.ch möglich.