Blenio Café
PARC ADULA
Gaetan
inserito il: 3.5.2014 21:29
ParcAdula. Stando alle ultime notizie confermate (vedi risposta del Team PA di alcuni giorni fa) le modifiche recenti della zona nucleo includono anche il territorio-pascolo della sponda sinistra del lago. Ecco, questo ampliamento a questo punto oltre alle restrizioni sulla pastura, nel bacino Luzzone NON potrà più essere praticata la pesca, perché tutto il resto delle sponde accessibili e non erano già a contatto con il famigerato nucleo. Un altro limite che si aggiunge agli altri. Questa è la realtà. Che ne dicono i pescatori?
Marisa
inserito il: 24.4.2014 22:11
Si parla di un Parco che porterà un'affluenza di turisti enorme,
come ben dice lei signor Franco, la carta dirà quel che è fattibile e quel che sarà proibito. Una firma che darà il peso di una assoluta padronanza del territorio.
A volte mi sento dire che bisogna essere aperti allo sviluppo, che questa nostra Valle è alla disfatta senza risorse;
dove sta lo sviluppo, dove c'è evoluzione se dei semplici progetti atti a dare un incentivo vengono snobbati (OFIBLE ) "progetto portato da Monighetti"
Mentre un investimento milionario è in atto, la misura di tutto questo mi da l'impressione che è un gioco impari, ci sono troppe cose che si affidano al non scopo ma solo ad un volere di persone con studi e qualifiche di alto livello che del territorio vedono uno scopo indefinito, che darà la sua identità una volta votato.
Tutto questa campagna pubblicitaria ad alto livello con riscontri finanziari non indifferenti, un sondaggio che vien definito nella normalità, seppur non considerato dalla maggior parte del popolo. Non c'è trasparenza !!
franco
inserito il: 22.4.2014 19:38
Che la trasmissione su Rete1 sia stata poco interessante concordo.

Ho letto l'articolo sulla regione, ma non capisco bene cosa Ofible centri col Parco.

Aspetto con impazienza la Carta del Parco per vedere cosa si potrà fare e cosa non si potrà più fare.
Marisa
inserito il: 20.4.2014 16:20
Una situazione alquanto spiazzante, le proposte che vengono portate dall'articolo della Regione 19/04/2014 sono state proposte nel 2010, ignorate fino ad oggi, ora che l'espressione di tale progetti vengono divulgate singolarmente e portate a conoscenza dei cittadini, va quasi detto che esiste la possibilità di applicare in parte tali progetti, indorare la pillola, donare l' idea di essere dalla parte giusta a qualunque costo, una domanda perché fino ad ora sono state escluse ignorate volutamente?
Un metro per ogni misura.
La disponibilità al dialogo in forma evasiva.
Quali realtà ci aspettano?
La fiducia e sempre più flebile, la posta è alta .
Marisa
inserito il: 19.4.2014 8:32
Leggendo la risposta che date a "Caetan"
Comincia ad evidenziarsi il limitare della vita del alpigiano ,
E con grande disinvoltura viene inclusa la permissione di comuni e Patriziati .la speranza e che la gente comune prenda atto di quanto proibizionismo comporti tutto questo ,
Preoccupa il fatto che tutto sta diventando un grande magazzino a cielo aperto .
Marcello
inserito il: 19.4.2014 6:52
Una trasmissione moscia e tendenziosa.
Moderatrici
inserito il: 18.4.2014 9:24
Cari utenti interessati a questa tematica,
vi segnaliamo stamane la trasmissione "MILLEVOCI" sulla Rete 1 della radio RSI, dalle 11 alle 12.
Ci saranno vari relatori che parleranno dei due progetti di Parco nazionale in corso nel nostro Cantone: Parc Adula e Parco del Locarnese.

Buon ascolto!
e Buona giornata
marcello
inserito il: 17.4.2014 23:01
...il gesso è un pessimo alleato.... e qualcuno dovrebbe toglierselo di dosso...
Amici Parc Adula
inserito il: 17.4.2014 22:24
Marcello, Calma e gesso!
marcello
inserito il: 17.4.2014 20:16
7. Pesca: consentire solo la pesca sportiva a mosca con il rilascio delle catture (vedi a titolo di esempio quanto viene proposto in Slovenia www.ribiska-druzina-tolmin.si )

Questa era, testualmente, la 7° delle 9 proposte inoltrate al Municipio nel 2010 e al Dir.del progetto nel 2012.

Una proposta ripresa, dopo aver ascoltato alcuni pescatori a mosca che frequentano la valle di Blenio, questo tipo di pesca ha il pregio di ferire il pesce solo marginalmente, consentendo il rilascio delle prede con concrete possibilità di sopravvivenza, che risultano sotto la misura consentita.

Non sarebbe questa un’ottima opportunità nel creare in zona parco una esclusiva zona di pesca, in grado di attirare questi Pescatori con la P maiuscola?

Spesso i sostenitori del parco parlano di un treno in partenza sul quale occorre salire… Non basta salire e cercare il vagone ristorante…o agganciarsi a mo’ di rimorchio in attesa di non so cosa… e come per ogni treno ci vuole un buon macchinista in grado anche di fermarsi quando ne vale la pena :(((

Qui di seguito l’articolo apparso su CdT il 17 aprile 2014

Assemblea Pescatori a mosca, raddoppiato il numero di soci

L’ottima salute di cui gode il Club pescatori a mosca Ticino (CPMT), che ha visto più che raddoppiato il numero di soci in un paio d’anni, è stato evidenziato dal presidente Piero Zanetti durante l’affollata assemblea tenutasi sabato scorso a Camorino.
Presenti anche il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali, il direttore della Divisione ambiente Moreno Celio e lo staff completo dell’Ufficio caccia e pesca guidato da Giorgio Leoni.
Nella sua relazione, Piero Zanetti ha ricordato l’intensa attività svolta nel 2013 dal CPMT – che l’anno prima era stato ufficialmente riconosciuto dal Consiglio di Stato –, nonché le specifiche misure auspicate dal sodalizio a protezione della fauna ittica: all’uso di ami privi di ardiglione per acque correnti, finalmente obbligatorio anche in Ticino, si aggiunge la necessità di ridurre massicciamente la quota massima giornaliera di catture da 12 a sei trote, fra le più alte di tutta Europa, e l’interessante proposta di riservare una tratta del fiume Ticino, denominata Y, con regolamentazione particolarmente restrittiva, aperta a tutti i pescatori e gestita dal CPMT con misure innovative per il ripristino della fauna ittica ora gravemente compromessa.
Il presidente ha altresì ricordato la tenuta dei corsi di lancio, sia per neofiti che di perfezionamento e dei corsi di costruzione delle mosche.
Molto interesse hanno suscitato le diverse relazioni presentate da Moreno Celio sul progetto di risanamento degli ecosistemi acquatici, da Bruno Polli sulla vigilanza e la fauna ittica, da Tiziano Putelli sulla rinaturalizzazione del Ticino a Moleno e dal dottor Soldati sul campo visivo e la percezione cromatica dei salmonidi.
L’assemblea condotta brillantemente dall’avvoccato Renzo Galfetti, presidente del giorno, ha inoltre riconfermato per acclamazione il comitato uscente che risulta composto dal già citato presidente Piero Zanetti, dal suo vice Alex Palme e dai membri Gabriele Veronelli, Giuseppe Coluccia, Davide Gatti, Paolo Rezzonico e Mauro Guidali.
PARC ADULA
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98
©1999-2018; La Valle di Blenio in rete    http://www.vallediblenio.ch    e-mail: info@vallediblenio.ch
sito creato da: Cresedo Tec
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sul contenuto dei siti proposti nei nostri "link".

La ripresa e pubblicazione di informazioni che appaiono su questo sito è possibile solo citando la fonte: www.vallediblenio.ch